Bitcoin fisico è stato venduto su eBay per 99.000 dollari

0
494
Bitcoin fisico

Un bitcoin fisico è stato venduto nella notte del 6 luglio su eBay. Il gettone contiene un singolo btc. Il prezzo di vendita è stato di 99.000 dollari.

Chi è e cos’è il Casascius?

Il bitcoin Casascius, questo il nome del “gettone” contenente la criptovaluta, è stato creato da Mike Caldwell, un possessore di cryptovalute dello Utah fino al 2013. All’interno della moneta è presente un foglio di carta che indica il valore digitale del BTC. Questo foglio è protetto da un ologramma che protegge la moneta da possibili manomissioni. Le monete in ottone dello stesso tipo hanno differenti valori digitali, per la precisione di 1, 10, 25, 100 e 1000 bitcoin. Per verificare l’autenticità e per acquistare queste monete, oltre ad eBay, è possibile visitare il sito  https://www.casascius.com, che accetta solo bitcoin come modalità di pagamento, oppure http://www.MemoryDealers.com, sul quale è consentito il pagamento anche attraverso carta di credito.

Alcune informazioni sul Bitcoin ed il suo andamento negli ultimi mesi

Intervista a Filippo Martin esperto di Bitcoin e Finanza



I Bitcoin: il futuro della moneta o una grossa bolla?

Un Bitcoin Casascius. Si possono vedere l’ologramma a nido d’ape e la chiave privata nel centro

Come si può pagare?

Nel caso della moneta venduta nelle scorse ore il creatore ci tiene a sottolineare che è stata creata nel 2011 e che è “un must per i collezionisti”. Per il suo acquisto, il venditore, si è reso disponibile ad accettare denaro contante, pagamenti in cryptovalute, pagamento con carta di credito, terreni o immobili; ha escluso invece barche e macchine come modalità di pagamento.

Come funziona?

La moneta può essere utilizzata nelle transazioni faccia a faccia ma, appena riscattata “perde” il suo valore. All’interno della stessa è però presente una chiave privata che, associata ad una pubblica, “restituisce” il valore in BTC della stessa, consentendo, attraverso il wallet del proprietario, di operare qualunque tipo di transazione. Provare a forzare l’ologramma a nido d’ape per recuperare questa chiave è particolarmente difficile, se non impossibile e potrebbe avere come unico effetto quello di danneggiare la moneta stessa.

Quanti sono?

Al momento esistono in tutto 15.586 monete Casascius. Ad oggi ne sono state aperte 4651. Il venditore della moneta da 99.000 dollari ha sottolineato come si tratti di un pezzo unico e ci ha tenuto a sottolineare che i sigilli della confezione contenente la moneta sono intatti e che, dal momento dell’acquisto fino alla vendita avvenuta poche ore fa, il “gettone” è stato conservato in una cassaforte.

Perchè costa più del BTC?

Ad oggi il valore del Bitcoin si aggira intorno agli 11.000 dollari, dopo che nelle ultime settimane si è spostato da una resistenza di quasi 16.000 dollari ad un supporto di 9.000. Da dove deriva, allora, la differenza di valore tra il valore della crypto e quello della moneta fisica? Le ragioni sono da ricercarsi in parte nel fatto che il “gettone” rappresenti per chi investe in cryptovalute quasi un’oggetto di collezione. In secondo luogo, il suo possesso offre una garanzia maggiore, rispetto alle “monete” conservate su un wallet online. Per quanto, infatti, dal Bitcoin ad Ethereum alle altre centinaia di crypto create nell’ultimo decennio, le barriere e le garanzie di inviolabilità dei portfolio siano altissime, il rischio che queste monete vengano “rubate” esiste comunque. Nel caso delle monete Casascius, invece, la presenza dell’oggetto fisico, nelle mani del possessore, gli offre una maggiore garanzia nei confronti di possibili furti.

Quando è stato coniato l’ultimo?

Come il Btc classico è da considerarsi una risorsa limitata (esistono 22 milioni di monete e nei prossimi anni dovrebbe essere ultimato il lavoro dei “miners”), lo stesso vale per Casascius che ha prodotto quasi 16000 monete, di differente valore, fino al novembre del 2013. In quel periodo il FinCen, Financial Crimes Enforcement Network, un’agenzia del Ministero del Tesoro americano, lo ha informato che “stampare” moneta e diffondere un proprio conio, faceva del creatore di Casascius, Mike Caldwell, un “trasmettitore di denaro” e che per portare avanti la sua attività avrebbe dovuto registrarsi a livello federale ed ottenere le necessarie licenze.

Annunci
Previous articleSIM Card gratuita per ogni turista a Dubai
Next articlePerché il caldo ci rende più aggressivi? La risposta dalla scienza
Sono Vittorio Musca, ho 39, sono originario di Torchiarolo, in provincia di Brindisi e vivo a Bologna anche se negli ultimi anni per studio o lavoro ho vissuto in Norvegia, Polonia, Repubblica Ceca e Germania. Ho conseguito due lauree. La prima in Scienze Politiche e la seconda in Lettere. Parlo inglese, italiano, spagnolo, tedesco e polacco. Mi piace leggere, prevalentemente classici della letteratura e della filosofia o libri di argomento storico, suono il clarinetto e provo, da autodidatta ad imparare a suonare il piano. Mi piacciono il cinema ed il teatro (seguo due laboratori a Bologna). Ho pubblicato un libro di poesie, "La vergogna dei muscoli, il cuore" e ho nel cassetto un paio di testi teatrali e le bozze di altri progetti letterari. Amo viaggiare e dopo aver esplorato quasi tutta l'Europa vorrei presto partire per l'Africa ed il Sud Est asiatico, non appena sarà concluso l'anno scolastico, essendo al momento impegnato come insegnante. I miei interessi sono vari (dalla letteratura alla politica, dalla società al cinema, dalla scuola all'economia. e spero di riuscire a dedicarmi a ciascuno di essi durante la mia collaborazione con peridicodaily.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here