Panificio artigianale trasforma il pane avanzato in superalcolico

0
302

Arriverà sul mercato nelle prossime settimane il nuovo Okowita. La trasformazione del pane avanzato in superalcolico ha già ricevuto recensioni entusiastiche da parte degli esperti del settore.

Chi ha trasformato il pane avanzato in un superalcolico?

Prodotto dalla loro azienda Rebread, l’idea è stata coniata da Katarzyna Młynarczyk e Bartłomiej Rak come reazione diretta alle sfide che devono affrontare il panificio artigianale di Młynarczyk nel sud della città. “Come fornaio artigiano, metti tutto il tuo cuore nella cottura” dice. “È un processo lungo e laborioso, quindi quando ti rimangono molti pani invenduti inizi a chiederti cosa fare con tutto questo. Allo stato attuale, la maggior parte dei panettieri li butterà via o li rivenderà al settore agricolo per l’alimentazione degli animali, ma in ogni caso, questo pane artigianale perde completamente il suo valore”.

Come nasce l’idea del nuovo superalcolico

È stato durante la ricerca di possibili soluzioni a questo problema che Młynarczyk ha appreso di un panificio austriaco che utilizzava i propri rifiuti per produrre whisky, gin e brandy. Ispirati da questo, lei e Rak hanno scelto di percorrere un percorso simile e hanno creato Rebread in risposta. “Dopo sei mesi“, dice, “avevamo messo da parte mezza tonnellata di pane raffermo pronto per essere distillato in alcol“. Da questa prima partita di pane sono arrivate 550 bottiglie di Okowita, uno spirito tradizionale molto più “pulito” della vodka. Di per sé, trasformare il pane in alcol non è una novità. Per ammissione di Młynarczyk, era una pratica relativamente comune durante l’era PRL per le panetterie consegnare i loro rifiuti alle aziende di alcolici. Tuttavia, afferma Młynarczyk, la qualità rispetto a oggi è incomparabile.


L’Enogastronomia polacca: dai Pierogi alla vodka


La qualità: migliore della Vodka

I panifici artigianali tendono a concentrarsi sul pane a lievitazione naturale che richiede solo farina, sale e acqua“, afferma. “Ciò significa niente additivi, conservanti, niente sostanze nocive artificiali”. Per sua natura, questo si traduce non solo in pane di qualità superiore, ma anche in alcol. “Il nostro Okowita ha così tanto sapore che è meglio servirlo a temperatura ambiente“, dice, “non c’è bisogno di congelarlo o raffreddarlo come si farebbe con la vodka di grandi marche“.

Il futuro della trasformazione del pane avanzato in un superalcolico

Ma mentre l’eccitazione e le aspettative si accumulano attorno al lancio di Okowita, Młynarczyk è fermamente convinto che questo sia solo l’inizio. “A grandi linee ci sono circa 170 panifici artigianali in Polonia, e tutti affrontano lo stesso problema dei rifiuti”, dice. “È impossibile determinare quanto pane venderai, quindi ce n’è sempre un po’ in eccesso“. Motivato da questo, Rebread ha già contattato 50 di questi panifici e attualmente sta collaborando con sette. Tutti, afferma Młynarczyk, hanno espresso un forte interesse per il concetto. “Oltre alle altre panetterie di Cracovia con cui stiamo già lavorando, siamo in trattative con quelle delle aree di Varsavia e della Slesia“, afferma.

I fondi necessari nella crisi economica

Guardando al futuro, ora stiamo esaminando più a fondo i fattori logistici e lo spazio di magazzino e, in quanto giovane start-up, stiamo anche cercando investitori e stiamo cercando di avviare una campagna di crowdfunding”. Anche nell’attuale clima economico, questo non dovrebbe essere difficile. Definiti dall’ambito della loro ambizione, Rebread è ora pronto per impegnarsi in test universitari e di laboratorio per trovare ulteriori usi per il pane. “Questo è necessario per convalidare le nostre idee”, continua Młynarczyk, “ma come esempio stiamo esaminando imballaggi e cosmetici a base di pane”. Che ci sia un ampio chilometraggio in entrambi è un dato di fatto.

Tutto quello che si può fare con il pane avanzato

I nutrienti nel pane artigianale non sono solo delicati per lo stomaco, ma anche per la pelle“, afferma Młynarczyk. “Potrebbero essercene di più, ma sappiamo di un’azienda che sta già producendo cosmetici a base di pane e sappiamo per certo che questi sono benefici per il corpo: i microrganismi che si creano durante il processo di fermentazione sono ideali per balsami, lozioni e gel doccia”. Affermando di essere stato “sbalordito” e “scioccato” dalla positività della reazione finora alle filosofie di Rebread, il feedback è stato doppiamente piacevole per Młynarczyk e Rak. “Non è solo il concetto che le persone hanno applaudito”dice “ma anche la qualità delle cose che abbiamo fatto finora: l’ultimo punto è importante quanto il primo”.