Le condizioni di vita disperate e le malattie minacciano oltre 320mila piccoli rifugiati in fuga a partire da fine agosto


Ogni settimana fino a 12mila bambini della minoranza musulmana Rohingya scappano dalla Birmania verso il Bangladesh per sfuggire alle violenze. Lo riferisce l’Unicef, secondo cui le condizioni di vita disperate e le malattie minacciano oltre 320mila piccoli rifugiati in fuga a partire da fine agosto. Sono circa 10mila i minori che hanno attraversato la frontiera negli ultimi giorni.


“Molti piccoli rifugiati Rohingya hanno assistito ad atrocità in Birmania che nessun bambino dovrebbe vedere”, ha affermato il direttore esecutivo di Unicef, Anthony Lake. “Questi bambini hanno urgente bisogno di cibo, acqua potabile, igiene e vaccinazioni per essere protetti dalle malattie che prosperano in situazioni di emergenza. Questa crisi sta rubando loro l’infanzia, ma non dobbiamo lasciare che gli rubi anche il futuro”, ha proseguito Lake.
Sempre secondo Unicef, nei campi profughi in Bangladesh sono stati riscontrati alti livelli di malnutrizione acuta nei bambini e mancano i servizi essenziali per le donne che hanno appena partorito e per i neonati.

Condividi e seguici nei social
error

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here