Bimbo di 3 anni si spara durante la sua festa di compleanno

Tragedia in Texas. Un bimbo di 3 anni si spara accidentalmente durante la sua festa di compleanno.

0
853
Bimbo di 3 anni si spara

Un bimbo di soli 3 anni si spara accidentalmente durante la sua festa di compleanno. Soli pochi secondi e la vita del piccolo si spegne tragicamente. Il drammatico episodio è avvenuto nella contea di Montgomery, a 50 chilometri da Houston. Il bimbo stava festeggiando con i suoi amichetti, quando è partito un colpo dalla pistola, trovata in casa e presa per gioco.

Bimbo di 3 anni di spara: come è entrato in possesso dell’arma?

“Mentre gli adulti giocavano a carte, hanno sentito uno sparo”, ha dichiarato lo Sceriffo della Contea di Montgomery.Aveva trovato la pistola a terra, caduta dalla tasca di qualche membro della famiglia.” I famigliari sentito lo sparo si sono immediatamente precipitati nella stanza dove si trovava il piccolo. Purtroppo il bimbo era già morto. Aveva una ferita d’arma da fuoco al petto, ed era riverso in una macchia di sangue.

Detenzione di armi negli Stati Uniti

Casi del genere negli USA sono all’ordine del giorno. Secondo i dati raccolti dall’associazione Everytown For Gun Safety, 229 sparatorie non intenzionali hanno coinvolto minori nel 2020, causando 97 morti e 139 feriti. Inoltre 4.6 milioni di minori vivono in una casa in cui vi è un’arma da fuoco carica. Tra questi 16.000 rimangono uccisi o feriti ogni anno. Si stima che più di 100 americani muoiono colpiti da un’arma da fuoco, circa 37mila in totale. E 478 morti non intenzionalmente ogni anno, di cui 40 in Texas. 

Un sistema che necessita di revisione

La detenzione di armi in casa in Usa non è vietata. Sicuramente bisogna rivedere il sistema americano e trovare una soluzione. Si tratta di una realtà lontanissima dall’Europa, dove non esiste un diritto ad essere armati. Mentre negli Stati Uniti sì. Se la cultura delle armi è da sempre radicata nel dna dell’americano medio, a quella decisione è però certamente ricondotta la pesante responsabilità di avere impedito che, insieme alla riduzione del numero di armi in circolazione, quella cultura potesse mutare. 

Commenti