Bill Clinton – happy birthday Mr. President!!

Oggi, 19 agosto 2020, Bill Clinton compie 74 anni. Un presidente dalla grande leadership, a volte oscurata dalle vicende personali.

0
2828
Bill Clinton

74 anni fa nasceva Bill Clinton, 42° presidente degli USA. E’ il secondo presidente più giovane, dopo John F. Kennedy. Durante la sua presidenza, è riuscito a raggiungere numerosi successi, ma molti lo ricordano solo per lo scandalo Lewinsky.

La storia di Bill Clinton

William Jefferson “Bill” Blythe III nasce a Hope, Arkansas, il 19 agosto. La tragedia lo colpisce quando è ancora in grembo materno. Infatti, tre mesi prima della nascita di Bill, il padre biologico, commesso viaggiatore, muore in un incidente stradale.

Quando William ha quattro anni, la madre, Virginia Dell Cassidy, si sposa con Roger Clinton, da cui il futuro presidente prenderà il cognome. Purtroppo, Roger si rivela un alcolista e un violento, che picchia spesso la moglie. Il giovane Bill, per difendere la madre e il fratello minore, nato dalla relazione tra Virginia Cassidy e Roger Clinton, subirà tante violenze da parte del patrigno.

Bill si avvicina alla politica

Bill Clinton incontra Kennedy

Il giovane Clinton passa le giornate nella piccola drogheria dei nonni, e si rivela subito un ottimo studente. Ama i libri, ma soprattutto suonare il sassofono. Come racconta nella sua autobiografia, “My Life”, a 17 anni assiste a due episodi che gli cambieranno la vita e lo formeranno. Nel 1963, durante una gita scolastica alla Casa Bianca, stringe la mano al presidente Kennedy, e nello stesso anno assiste in televisione il famoso discorso di “I have a Dream”, di Martin Luther King. Come lui descrive, questo discorso lo colpisce a tal punto da impararlo a memoria.

Clinton afferma inoltre che proprio quel discorso lo ha portato a lasciare la carriera da musicista per dedicarsi alla politica.

La laurea di Bill Clinton

Bill Clinton si laurea alla Georgetown University. Si iscrive alla scola di Legge di Yale, dove conosce Hillary Rodham, sua futura moglie. durante gli studi alla Yale University, grazie alla borsa di studio Rhodes, va a studiare a Oxford, nel Regno Unito. Al suo ritorno si laurea in giurisprudenza a Yale.

La carriera politica

Nel 1976 viene eletto procuratore dell’Arkansas. Due anni dopo, a soli 32 anni, diventa il più giovane governatore della storia degli USA. Durante il suo primo mandato, riesce a migliorare il sistema di istruzione pubblica, e realizza tante opere pubbliche.

Il 27 febbraio 1980 nasce la sua prima e unica figlia, Chelsea Victoria Clinton.

Alla scadenza del primo mandato da governatore, decide di ricandidarsi. Tuttavia, il repubblicano Frank White lo sconfigge. Nelle elezioni successive del 1982, però, riesce a riconquistare la carica di governatore dell’Arkansas, che manterrà fino al 1992. Come governatore si impegna sempre a migliorare la qualità dell’istruzione nello Stato. Infatti, aumenta i salari agli insegnanti e incoraggia i genitori a partecipare all’istruzione dei loro figli.

La presidenza Clinton

Il giuramento di Bill Clinton

Nell’autunno del 1991, Clinton pensa che il Paese abbia bisogno di una svolta. Pensando di essere l’uomo giusto, decide di candidarsi alle elezioni presidenziali. Come suo vice sceglie il senatore del Tennessee, Al Gore. Insieme girano l’America in pullman per incontrare i cittadini e ascoltare le lamentele e le proposte. Lo slogan della campagna elettorale è “Putting people first”.

Il 3 novembre del 1992 Bill Clinton diventa il 42° presidente degli Stati Uniti, il secondo più giovane di sempre dopo Kennedy. Viene rieletto anche per un secondo mandato, nel 1996.

Clinton riesce a ottenere numerose vittorie. Fa approvare al Congresso un piano di massiccia riduzione del deficit. Vara un taglio delle tasse per i piccoli imprenditori e le classi lavoratrici in difficoltà. Inoltre, promuove il Family and Medical Leave Act, che mira a proteggere il lavoro di genitori con figli malati. Riesce a varare anche una riforma scolastica, un nuovo piano per la sanità e un durissimo programma contro il crimine e la violenza. Inoltre, firma la famosa legge brady bill, sul controllo delle armi.

Inoltre, riesce a siglare un accordo commerciale con Messico e Canada, il NAFTA. In politica estera, fa dell’America il “gendarme del mondo”. Accoglie le richieste di un intervento in Bosnia, e cerca un accordo di pace in Medio Oriente.

Nonostante i successi, Bill Clinton viene ricordato da molti per lo scandalo Lewinsky, scandalo che gli costa un processo di Impeachment per aver mentito al Congresso sulla relazione con la stagista della Casa Bianca Monica Lewinsky. Tuttavia, verrà assolto dal processo di Impeachment. La moglie Hillary resta al suo fianco in ogni momento di difficoltà.

Gli anni dopo la presidenza

Quando lascia la presidenza, Clinton è comunque al top dei consensi. Nonostante un quadruplo bypass coronarico, rientra nella scena politica per aiutare la moglie nella corsa presidenziale nel 2008 e nel 2016. Negli anni successivi la presidenza, fonda la Clinton Foundation, un’organizzazione non governativa per i servizi umanitari.


Leggi anche: Trump “nasconde” i ritratti di Clinton e Bush