Bilancio devastante del Tifone Rai

0
399

Il bilancio devastante del Tifone Rai oltre 20 morti e interi villaggi rasi al suolo. Almeno 21 persone sono state uccise nel tifone più forte che ha colpito le Filippine quest’anno, hanno detto i funzionari sabato, con rapporti “allarmanti” di distruzione sulle isole che hanno subito il peso della tempesta.

Più di 300.000 persone sono fuggite dalle loro case e dai resort sulla spiaggia mentre il tifone Rai ha devastato le regioni meridionali e centrali dell’arcipelago, interrompendo le comunicazioni e l’elettricità in molte aree, strappando i tetti e rovesciando i pali dell’elettricità in cemento. La Rai era un super tifone quando giovedì si è schiantato contro la popolare isola turistica di Siargao, caricando venti massimi sostenuti di 195 chilometri all’ora (120 miglia all’ora).

La sua velocità del vento è scesa a 150 km/h mentre attraversava il paese, scaricando piogge torrenziali che hanno allagato villaggi, sradicando alberi e frantumando strutture in legno. “Questa è davvero una delle tempeste più potenti che ha colpito le Filippine nel mese di dicembre dell’ultimo decennio”, ha detto all’AFP Alberto Bocanegra, capo della Federazione internazionale delle società della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa nelle Filippine. “Le informazioni che stiamo ricevendo e le immagini che stiamo ricevendo sono molto allarmanti”.

Più di 18.000 militari, polizia, guardia costiera e vigili del fuoco si uniranno agli sforzi di ricerca e soccorso nelle regioni più colpite, ha detto ad AFP Mark Timbal, portavoce dell’agenzia nazionale per i disastri. “Ci sono stati gravi danni” sull’isola di Siargao e sulla punta settentrionale dell’isola meridionale di Mindanao, ha detto Timbal, riferendosi alle aree che hanno preso tutta la forza del tifone che si è abbattuto sul paese. Ci sono circa 100.000 residenti a Siargao, ma la popolazione si gonfia di surfisti e turisti in visita.  – ‘Tutto è stato distrutto’ .

Allerta nelle Filippine per Tifone Rai: previsto l’impatto giovedì

16 morti nelle Filippine per il tifone Phanfone

Allerta Tifone Chanthu si sposta a Shanghai: cancellati tutti i voli

La Guardia Costiera filippina ha condiviso foto sui social media che mostrano la distruzione diffusa intorno alla città di Surigao a Mindanao. Le riprese aeree hanno mostrato distese di risaie sott’acqua. Almeno tre persone sono state uccise e decine sono rimaste ferite nella tempesta, ha detto il sindaco della città di Surigao Ernesto Matugas all’emittente ABS-CBN, portando il bilancio delle vittime a 21.

Il vice governatore di Dinagat, un’isola vicino a Siargao, ha detto che almeno sei persone sono state uccise lì. “Odette era così forte”, ha detto Nilo Demerey all’ABS-CBN, usando il nome locale per il tifone. I residenti sull’isola di circa 128.000 persone stavano “cercando di riparare le loro case perché anche i nostri centri di evacuazione sono stati abbattuti”, ha detto. 

“Non possono cercare rifugio altrove… tutto è stato distrutto”, ha aggiunto. “Siargao, Surigao e l’isola di Dinagat hanno subito la stessa sorte: chiediamo aiuto”. Bocanegra ha avvertito che l’interruzione dell’elettricità avrebbe ripercussioni sull’approvvigionamento idrico, sollevando preoccupazioni per l’igiene e le malattie. Dopo aver sferzato l’isola di Palawan, Rai è emersa sabato sul Mar Cinese Meridionale ed era diretta verso il Vietnam, ha detto il meteorologo statale.

La Rai ha colpito le Filippine alla fine della stagione dei tifoni: la maggior parte dei cicloni si sviluppa tipicamente tra luglio e ottobre. Gli scienziati hanno a lungo avvertito che i tifoni stanno diventando più potenti e si rafforzano più rapidamente man mano che il mondo si riscalda a causa del cambiamento climatico causato dall’uomo. Le Filippine, classificate come uno dei paesi più vulnerabili al mondo agli impatti dei cambiamenti climatici, sono colpite da una media di 20 tempeste e tifoni ogni anno, che in genere spazzano via raccolti, case e infrastrutture in aree già povere.