Biennale di Venezia 2022 e le forme di coesistenza

Il tema dell'esposizione di arte contemporanea è "Il latte dei sogni"

0
361

Le possibilità offerte all’uomo e le metamorfosi dei corpi sono i campi d’analisi della Biennale di Venezia 2022. La curatrice Cecilia Alemani ha comunicato il tema dell’esposizione artistica in programma dal 23 aprile al 27 novembre dell’anno prossimo. A fornire lo spunto per l’evento è il libro di Leonora Carrington.


Biennale di arte contemporanea a Helsinki


A che punto è l’organizzazione della Biennale di Venezia 2022?

Già nominato il curatore del Padiglione Italia che sarà Eugenio Viola. Quindi, la Direzione ha definito le linee principali della manifestazione e avviato la fase di programmazione degli eventi. I supervisori hanno infatti contattato Enti e Istituzioni internazionali che collaboreranno all’esposizione d’arte contemporanea. L’assegnazione della parte concettuale dell’evento a una donna è pertanto un elemento di novità per la rassegna. Il Ministro della cultura, Dario Franceschini, ritiene che la Biennale segni un passaggio verso partnership continuative.

Il presidente Roberto Cicutto e le nuove forme di convivenza

La Biennale di Venezia 2022 reinventa le relazioni tra gli uomini e con l’ambiente. Gli artisti colgono le temperie del periodo e lanciano il messaggio di responsabilizzare le nuove generazioni. Così il presidente della rassegna, Roberto Cicutto, ha parlato dell’evento, facendo riferimento al ruolo sociale dell’arte. La crisi degli ultimi anni è un punto di partenza per ristabilire equilibri compromessi da comportamenti pregiudizievoli.

“Il latte dei sogni”

Fa riferimento a un mondo in cui l’uomo coglie infinite opportunità, raggiungendo la felicità il tema della Biennale. Cecilia Alemani ha trovato nel libro di Leonora Carrigton l’idea che farà da filo conduttore alla rassegna. Il volume raccoglie alcune fiabe illustrate che l’autrice ha scritto negli anni Cinquanta in Messico. Prima di pubblicarle le ha rappresentate sul muro di casa. Alla curatrice dell’evento è piaciuto il concetto di libertà che trasmette l’opera, il cambiamento che l’essere umano può raggiungere. Attraverso la rappresentazione dei corpi e delle loro mutazioni nascono quindi forme di relazione basate anche sulla tecnologia. L’aspetto scientifico e la coesistenza tra specie è pertanto fondamentale per l’instaurazione di rapporti duraturi.

Commenti