Biden invierà a breve truppe nell’Est d’Europa

0
319
La Russia annetterà quattro regioni dell’Ucraina domani

Il presidente americano Joe Biden ha annunciato che a breve invierà truppe nell’Europa Orientale. Gli USA hanno anche chiesto una riunione del Consiglio di sicurezza della Nazioni Unite. Il presidente ucraino, Volodymyr Zelensky, ha però invitato l’Occidente a evitare di creare “panico” sulla possibile invasione russa.

Biden invierà truppe nell’Europa Orientale?  

Nel mezzo dei crescenti timori di una possibile invasione russa dell’Ucraina, il presidente americano Joe Biden ha annunciato che prevede di inviare a breve un piccolo numero di truppe statunitensi nell’Europa Orientale. “Sposterò delle truppe nell’Europa dell’Est e nei paesi della NATO a breve“, ha detto Biden ai giornalisti della Joint Base Andrew al ritorno da un viaggio a Pittsburgh. Biden ha però sottolineato “non troppe“. Il Pentagono ha messo in allerta 8.500 soldati per un potenziale dispiegamento nei paesi della NATO nell’Europa dell’Est. I commenti di Biden sembrano indicare che almeno alcuni di queste forze si schiereranno presto.

USA chiedono una riunione del Consiglio di sicurezza ONU

Gli USA hanno anche chiesto una riunione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Uniti per discutere della crisi ucraina. Un funzionario dell’amministrazione Biden ha affermato che dalla riunione consiliare non sono previste misure concrete o una dichiarazione congiunta. L’amministrazione statunitense crede che la riunione possa fornire un’opportunità per la “diplomazia preventiva” e per consentire a “tutte le potenze mondiali di essere informate sul fatto che vedano un percorso per la diplomazia o se preferirebbero vedere un percorso verso il conflitto”.

Zelensky: basta panico sull’invasione russa

Il presidente ucraino, Volodymyr Zelensky, ha però invitato l’Occidente a evitare di creare “panico” sulla possibile invasione russa. Secondo il presidente, l’isteria sull’invasione russa sta creando diversi problemi all’Ucraina. Zelensky ha poi sottolineato che rischio più grande per l’Ucraina à la destabilizzazione all’interno del Paese. Ha infine affermato che la necessità primaria per l’Ucraina è quella di “stabilizzare” l’economia martoriata.


Leggi anche: Lavrov: la Russia non ha colpa se scoppia la guerra