Biblioteca di Fregene: incontri collegati alle mostre romane

I prossimi appuntamenti organizzati dal centro culturale sono incentrati su Dante e Klimt

0
102
Biblioteca di Fregene
Incontri su Dante e Klimt alla Biblioteca di Fregene

La Biblioteca di Fregene “Gino Pallotta” concluderà le iniziative dell’anno con due eventi su Dante Alighieri. La stagione culturale 2022 invece, comincerà con uno dei più conosciuti ed amati artisti internazionali, Gustav Klimt.


I 700 anni di Dante e della Divina Commedia


Quali sono gli incontri su Dante organizzati dalla Biblioteca di Fregene?

Il 27 novembre alle 18 alla Casa della partecipazione di Maccarese si svolgerà l’incontro “Arte e vita quotidiana ai tempi di Dante”. Sandro Polo parlerà delle scoperte scientifiche, degli usi, dei costumi e dei grandi cantieri fiorentini dell’epoca del poeta. La descrizione del modo di pensare che costituirà la premessa alla nascita del Rinascimento toscano. Nel Duecento e per buona parte del Trecento Firenze vive un momento di straordinaria fioritura culturale, economica e demografica. Si trasforma così in una delle metropoli più grandi dell’epoca. Poi l’11 dicembre alle 18 è in programma l’incontro “L’immaginario dantesco nella storia dell’arte”. L’appuntamento costituisce un’introduzione alla mostra “Inferno”, visitabile fino al 9 gennaio, che racconta l’iconografia del mondo dei dannati. Lo stesso esperto illustrerà alcuni fra gli oltre 200 capolavori esposti alle Scuderie del Quirinale. Durante la conferenza si soffermerà sulla diffusione del revival gotico che ha caratterizzato l’architettura ottocentesca italiana.

Sandro Polo presenta Gustav Klimt

I 5 gennaio alle 18 prende il via la nuova stagione culturale con l’incontro “Klimt e la secessione viennese”. A cavallo tra Ottocento e Novecento Vienna appare come una capitale europea elegante e pacata, sospesa tra i valzer e le operette di Strauss e Lehar. Dietro la facciata rassicurante la città è scossa da forti tensioni sociali che ne stanno minando le fondamenta. Una stupefacente presenza di artisti e intellettuali intercetta e indaga le inquietudini e i cambiamenti in corso alla luce delle novità freudiane. L’opera di Gustav rispecchia fedelmente le contraddizioni del periodo. Infatti, il suo lavoro, pur risplendendo di aurea bellezza, è attraversato da linee e immagini nervose, da un eros potente che ammalia. L’artista rimane uno splendido e irrequieto tramonto sulla Storia. Saranno i drammatici linguaggi di Schiele, Kokoschka, Schoenberg a anticipare l’abisso verso cui Vienna sta inesorabilmente scivolando.

Un progetto collegato alle mostre in corso a Roma

La programmazione della Biblioteca di Fregene si accompagna a altri eventi culturali dell’Urbe. Gli incontri fanno riferimento alle mostre “Inferno” alle Scuderie del Quirinale e “Klimt. La Secessione e l’Italia” a Palazzo Braschi. Partecipa lo storico dell’arte Sandro Polo che approfondisce le tematiche ancorandole ai contesti storici sociali, artistici e culturali.

Immagine da cartella stampa.