Betty Boop: il debutto il 9 agosto del 1930

0
1359
Betty Boop: il debutto il 9 agosto del 1930

Ben 89 anni fa Betty Boop debuttava in televisione. Il 9 agosto 1930 compare nel cartone animato Dizzy Dishes.

Chi è Betty Boop?

Betty Boop è un celebre personaggio del mondo dell’animazione degli anni Trenta. Nasce da un’idea dei fratelli Fleischer. La figura di Betty si distingue per la sua carica erotica all’interno del panorama dell’animazione americana.

È la tipica flapper, cioè la ragazza alla moda del periodo jazz. Porta il taglio di capelli più alla moda del periodo e indossa un abito seducente.

Il debutto il 9 agosto del 1930

Fa il suo debutto il 9 agosto 1930 nel cartone in bianco e nero di 6 minuti Dizzy Dishes sotto forma di barboncina. Nel 1932 compare come umana nel cortometraggio Bamboo Isle.

Betty Boop è considerata come una dei primi e più famosi sex symbol dell’animazione cinematografica. E’ anche il simbolo degli anni della Grande Depressione ed è rivolta ad un pubblico principalmente adulto.

Minnie the Moocher

In Minnie the Moocher il personaggio di Betty Boop è un’adolescente dell’era moderna. E’ in contrasto con il mondo dei genitori. Il cortometraggio di Dave Fleischer prende il titolo dalla celebre canzone di Cab Calloway e narra la storia di una ragazza che scappa di casa e affronta i pericoli della notte.

Helen Kate

Nel 1932 la cantante Helen Kane fa causa a Fleischer per aver sfruttato la sua immagine e la sua personalità. Ma il personaggio è una pura fantasia e ed è ispirato da diversi modelli. Le accuse della cantante si basavano sul modo di parlare e cantare del cartoon. Helen Kane perse la causa.

Le accuse conservatrici

Nel 1934 le proteste del pubblico conservatore costringono Betty Boop a dedicarsi alle faccende domestiche e ad accudire animali. Questo fu l’inizio della ine. Il personaggio abbandonò gli schermi nel 1939.

Nonostante la prematura scomparsa, Betty Boop è diventata un mito e un’icona senza tempo. dell’animazione in tempi successivi, rimasto intatto ai giorni nostri.

Commenti