Beppe Grillo: comico e capo del Movimento 5 Stelle

0
548

Beppe Grillo, e precisamente Giuseppe Piero Grillo, è un politico, blogger, comico, attore e cabarettista genovese. Grillo, entra nell’ ambiente televisivo nel 1977, come protagonista di commedie del piccolo schermo, ed interprete di campagne pubblicitarie di successo. In pochi anni l’ attore, raggiunge una grande popolarità, e si dedica alla carriera televisiva. Nel 2005, Grillo crea il  blog “beppegrillo.it”, con Gianroberto Casaleggio, che diventa il curatore dello stesso. Inoltre, nel 2009, Grillo e Casaleggio creano il gruppo politico dal nome “Movimento 5 Stelle”.

Beppe Grillo e la biografia

Beppe Grillo, nasce a Genova il 21 luglio 1948, dai genitori Piera ed Enrico. Il padre è siciliano, ed  imprenditore di attrezzature per la saldatura di metalli, mentre la madre è pianista. Grillo si diploma in ragioneria, e frequenta l’ Università degli Studi di Genova, nella Facoltà di economia e commercio, in cui non completa la laurea. Nel 1977, Grillo inizia l’ attività televisiva, con cui raggiunge presto il successo, e diviene il testimonial, di diverse campagne pubblicitarie. Nel 2005, nasce il blog “beppegrillo.it”, con la collaborazione tra Grillo e l’ imprenditore Gianroberto Casaleggio. Di conseguenza, il blog raggiunge un vastissimo numero di visitatori, tanto da risultare tra i primi al mondo. Nel 2009, Grillo e Casaleggio, fondano il “Movimento 5 Stelle”, in cui il comico diviene il garante e capo politico dello stesso.

Beppe Grillo, il comico ed il cambio di nome

Beppe dopo gli studi, inizia a lavorare nel commercio di abbigliamento come rappresentante, ed in seguito come cabarettista comico che improvvisa monologhi. Nel 1977, a Milano, nell’ esibizione “La Bullona”, il presentatore Pippo Baudo, nota le abilità da palcoscenico del comico, e lo inserisce nel mondo televisivo.  viene notato dal famoso presentatore Pippo Baudo. Grillo modifica il nome da gabarettista Giuse e diventa Beppe Grillo. A fronte di ciò, il comico partecipa a diversi programmi tv conotti da Pippo Baudo,  come: “Secondo voi” nel 1977, Luna Park e Fantastico nel 1979. Inoltre, al  Festival di Sanremo del 1978, Grillo conduce il programma, con Stefania Casini, Maria Giovanna Elmi, e Vittorio Salvetti. Tuttavia, lo stesso anno Grillo conduce “Fantastico” con Loretta Goggi.

Beppe Grillo negli anni ottanta

Negli anni ottanta, il comico genovese, diventa protagonista ed ospite, di diverse trasmissioni televisive, come “Te la do io l’ America” e “Te lo do io il Brasile”. A ragion per cui, Enzo Trapani conduce le due trasmissioni, in sei puntate, con il racconto dei viaggi in Brasile e negli USA, con battute e riferimenti dei luoghi. Nel 1984, il comico partecipa come ospite al Festival di Sanremo, e presenta come ospiti d’ onore  i cantanti dei “Queen”. Tuttavia, l’ anno seguente sempre al Festival sanremese, Grillo anima il programma televisivo, con una performance di “Grillometro”.

Beppe Grillo, testimonial di spots televisivi

Dal 1986, il comico genovese diventa testimonial di numerose pubblicità tv dello yogurt Yomo. A fronte di ciò, lo spot pubblicitario, riceve numerose premiazioni come: il Leone d’ oro a Cannes, l’ Art Director’ s club, Spot Italia Pubblicità e successo, Gran Premio Internazionale della TV. In realtà, l’ esibizione del comico Grillo, trova distinzione nei contenuti satirici, con una espressività pungente.

L’ allontanamento di Grillo dalla TV

Nel 1986, durante il programma televisivo serale “Fantastico 7”, il comico genovese, esprime in modo satirico una battuta sul Partito Socialista, con a capo Bettino Craxi, che è il Presidente dello stesso. Di conseguenza, il fatto, allontana Grillo dalla televisione pubblica, per un periodo. In seguito, il cabarettista, partecipa al Festival di Sanremo da ospite, soltanto nel 1988 e 1999.

Beppe Grillo attore del cinema

Beppe Grillo, svolge l’ attività di attore, nei  films di Luigi Comencini, Dino Risi, e Francesco Laudadio, in: “Cercasi Gesù, Scemo di guerra, Topo Galileo”. Il comico genovese riceve in “Cercasi Gesù”, il David di Donatello, e il Nastro d’ argento, come miglior attore esordiente. Tuttavia, Grillo mostra sulle scene,  l’ impronta politica ed ambientalista, e con Michele Serra ed il regista Giorgio Gaber, esordisce con il recital “Buone notizie”.

Il Beppe Grillo Show

Dal Teatro delle Vittorie di Roma, agli inizi di dicembre del 1993, il “Beppe Grillo Show”, appare in onda, sulle scene televisive di Rai 1. Il successo del programma raggiunge quindici milioni di telespettatori a sera. Ciò nonostante, Grillo, dopo lo show, non compare più sulle tv RAI e Mediaset.

Altre collaborazioni

Nel 1996, esegue un duetto con la cantante Mina, con il brano “Dottore” dell’ album “Cremona”. In seguito, nel 1998, Canal Plus, della TV TELE+ trasmette gli spettacoli di Grillo, in cui esegue monologhi sul Metodo Di Bella. Tuttavia, Rupert Murdoch acquista il canale televisivo, e la collaborazione tra il comico e Canal Plus termina.

Negli anni novanta

Grillo dall’ attività televisiva, arriva alle esibizioni teatrali, e nelle piazze con numerosi spettacoli. Tra le performances principali risultano gli shows: “Un grillo per la testa, Cervello, Apocalisse morbida”.

L’ attacco ai bilanci

Dal 2000, Grillo negli spettacoli, si rivolge alle multinazionali, ai bilanci, ed agli indebitamenti delle stesse. Inoltre, la collaborazione con Casaleggio, crea il blog “beppegrillo.it”, ed il “Movimento 5 Stelle”. Ma Grillo parla anche, delle sovvenzioni al DDT e di Telecom, di tecnologia con la banda larga, di ricerca, di innovazione. Nel 2005, il politico, compare sulla rivista settimanale americana “TIME”, con elogi al coraggio, ed impegno nell’ informazione pubblica.  

Il politico

Nel giugno 2007, Grillo tiene un discorso al Parlamento europeo, in cui tratta le tematiche sulle nuove tecnologie, e dei condannati nel Parlamento italiano. Tuttavia, il comico genovese, nella stessa occasione, crea l’ iniziativa del “Vaffanculo- Day”, con la raccolta di firme, per proporre una legge popolare, che modifica l’ eleggibiltà, la candidabilità, la legge elettorale, e le revoche dei parlamentari. L’ iniziativa, inizia l’ 8 settembre 2007, in molte piazze ed ambasciate italiane ed estere. Di fatto, Grillo ottiene la raccolta di 336.144 firme, oltre alle 50.000 necessarie per la nascita della legge. Tuttavia, Grillo organizza il 25 aprile 2008, anche il V2- Day sul tema dell’ informazione.

Grillo e le elezioni primarie

Nel 2008, Grillo diffonde dal blog, la partecipazione politica con le “liste civiche a 5 Stelle”. In seguito, i rappresentanti delle liste esprimono il programma sui temi dell’ ambientalismo, ed i beni comuni. Il 12 luglio 2009, Grillo si candida alle elezioni primarie, per la segreteria del Partito Democratico. Ma il 14 luglio, la commissione Nazionale di Garanzia del PD, rifiuta la richiesta. Il motivo del rigetto alle primarie, avviene poiché il movimento non risulta tra i gruppi politici chiaramente opposti al PD.

La candidatura del Movimento 5 Stelle

Grillo con il gruppo “Le liste civiche a Cinque Stelle a livello Nazionale”, non ha il riconoscimento politico, per la candidatura alle primarie. A ragion per cui, Grillo e Casaleggio creano il “Movimento nazionale a cinque stelle”, con cui ricevono l’ approvazione. Il 4 ottobre 2009, il “Movimento 5 Stelle”, viene presentato pubblicamente e dichiara la candidatura alle elezioni regionali del 2010.

Commenti