Bentley: con Akrapovic la Continental GT si fa sentire

La GT Speed sarà dotata si un impianto di scarico sportivo realizzato appositamente dall'azienda slovena

0
370
bentley continental gt akrapovic

La Bentley Continental GT è una coupè di lusso che ama correre, e quindi uno scarico Akrapovic ci sta bene. La casa di Crewe ha collaborato con l’azienda croata per creare un impianto sportivo, appositamente studiato per la GT Speed. La versione più dinamica della vettura a due porte avrà quindi la possibilità di andare un pochino più forte e di…farsi sentire meglio! Fondata nel 1990 dall’ex pilota motociclista Igor Akrapovic, questa azienda collabora con diversi costruttori nella realizzazione di scarichi sportivi e Racing: tra i partner citiamo case come BMW, Porsche, Yamaha e Ducati.

Com’è fatto lo scarico Akrapovic della Bentley Continental GT?

Lo sviluppo dell’impianto è iniziato con la Continental GT Speed che ha ottenuto il record cronometrico alla cronoscalata del Pikes Peak. L’impianto ha quasi lo stesso aspetto del componente di serie, non intaccando così l’elegante design della vettura. È comunqe riconoscibile dalla colorazione grigia opaca dei terminali, dove si trova l’incisione del marchio sloveno. Dal punto di vista tecnico, le fluidodinamiche interne sono riviste, in modo da accelerare e ottimizzare l’espulsione dei gas incombusti. Una valvola elettromeccanica è situata nella zona del terminale, conferendo al sistema la possibilità di cambiare il proprio sound ed il comportamento del motore. La valvola funziona assieme ai drive mode regolabili dal pilota nel sistema di infotainment. Bentley ed Akrapovic dichiarano che l’impianto pesa 7 Kg in meno rispetto al pezzo di serie. Quanto costerà? Non lo sappiamo ancora, ma presumiamo che il marmittone sarà disponibile nel catalogo degli accessori. La scheda tecnica della Continental GT Speed parla di un W12 di 6 litri, e doppio turbo. Il pilota può divertirsi con 659 CV e 900 Nm di coppia. La velocità massima dichiarata è di 335 Km/h, con un’accelerazione da 0 a 100 Km/h in 3.5 secondi.


Efuel: superata la “prova del nove” al Pikes Peak