Beersheba: coppia di studenti trasforma casa in magazzino di armi

0
149
Beersheba

Arrestata una giovane coppia di Beersheba in Israele, per aver trasformato la loro abitazione privata in un magazzino di armi e droga. La polizia Israeliana ha dichiarato che si tratta di due studenti della Ben-Gurion university entrambi sulla ventina, senza precedenti penali. Gli agenti stanno indagando sul possibile coinvolgimento di entità criminali già note alla polizia.

Israele e Arabia Saudita: il vertice segreto

Scoperta a Beersheba una casa delle armi e droga. Arrestati una coppia di studenti universitari

Gli investigatori della polizia israeliana hanno scoperto un covo di armi e droga nascosto all’interno di un appartamento di una coppia di studenti universitari di Beersheba. La polizia ha trovato all’interno della casa varie armi e ordigni esplosivi. Durante la perquisizione, inoltre, sono stati trovati anche una dozzina di sacchi contenenti marijuana e una bilancia digitale solitamente utilizzata per lo spaccio di droga. I giovani sono attualmente agli arresti. Entrambi iscritti presso Ben-Gurion university e non hanno precedenti penali. La polizia suppone un possibile coinvolgimento nel caso di noti clan mafiosi israeliani. 

Bisogna fermare Israele e la sua politica contro la Palestina

Casa delle armi a Beersheba, la polizia indaga su un possibile coinvolgimento di entità criminali 

Secondo una fonte coinvolta nell’indagine, la giovane coppia di Beersheba probabilmente ha iniziato questa attività illecita per sopperire a delle difficoltà finanziarie causate dalla pandemia. Giovedì 26 novembre il tribunale di Beersheba, ha confermato l’arresto per i due ragazzi che rimarranno in isolamento almeno fino al prossimo martedì.

La polizia israeliana non esclude la possibilità di un coinvolgimento di bande criminali nel caso. Secondo gli inquirenti dietro ai due giovani universitari potrebbero celarsi delle entità mafiose già note alle forze dell’ordine. Non è ancora chiaro il nesso tra la coppia e i criminali. Rimane aperta l’ipotesi che i ragazzi abbiano iniziato questa attività in modo coercitivo a causa dei loro problemi finanziari.

Commenti