Battaglia di Kunfida – 1912: la guerra italo – turca

0
371

Il 7 gennaio 1912 si svolge la Battaglia di Kunfida, ovvero uno scontro navale nel Mar Rosso, tra la Regia Marina e la Marina ottomana. Tale evento bellico avviene dopo l’inizio della guerra tra Italia e Turchia, poi come risultato la vittoria italiana.

Battaglia di Kunfida: cosa scatena il conflitto tra le parti nemiche?

Da settembre 1911 ad ottobre 1912, nell’area tra il Mar Mediterraneo orientale, il Mar Egeo ed il Mar Rosso, la guerra italo-turca coinvolge il Regno d’Italia contro l’alleanza dell’impero ottomano e Senussi. Conosciuta anche come guerra di Libia, al centro del conflitto ruotano gli interessi tra le parti avversarie sul controllo dei territori del Nord Africa, in particolare le regioni principali della Libia, di cui la Tripolitania e la Cirenaica. L’Italia raggiunge il predominio sulle province turche e nel mezzo della guerra conquista anche parte del Mar Egeo. Mentre, l’arcipelago greco del Dodecaneso diventa area italiana e rimane tale, anche alla fine del conflitto. Durante i combattimenti tra gli schieramenti, l’impero ottomano riscontra difficoltà nella difesa contro la Regia Marina italiana. A fronte di ciò, i Turchi rimangono impossibilitati nell’inviare rinforzi alle aree nordafricane.

Battaglia di Kunfida: il successo per il Regno d’Italia

Nonostante i ripetuti tentativi di rivalsa della Marina ottomana contro le flotte della Regia Marina, la Battaglia di Kunfida nel Mar Rosso si conclude con la vittoria italiana. Di fatto, tale evento bellico anticipa il primo conflitto mondiale, poiché contribuisce alla diffusione del pensiero nazionalista, per la difesa della Patria nella penisola balcanica. Con la strategia militare della Marina italiana, le flotte turche vengono sconfitte senza alcuna difficoltà, poiché poco organizzate dal punto di vista bellico. Inoltre, l’alleanza militare di Grecia, Serbia, Bulgaria e Montenegro assalta l’impero turco prima della conclusione della Battaglia di Kunfida, in corso contro l’Italia.

Le conseguenze

Dopo la guerra tra Italia e Turchia, le flotte ottomane in Tripolitania ritornano in Libia ed il resto delle guarnigioni in Cirenaica rimangono fino alla conclusione dello scontro balcanico. Le popolazioni arabe della Tripolitania tentano di ribellarsi ai vincitori e scatenano ripetute guerriglie. Negli anni successivi, con il primo conflitto mondiale seguono delle mire espansionistiche, per il controllo della sovranità. Dalla vittoria italiana contro i Turchi consegue la grande guerra, con dei conflitti che perdurano fino al 1931.