Basket playground artistico: street art e dialogo collettivo

Colore e geometrie hanno cambiato l'aspetto del campo sportiva romano. Design urbano per spazi comunitari di aggregazione

0
190
basket playground artistico
Tiber Courtyard, il campo da basket reinventato da Greg Jager (immagine da Facebook)

Si chiama Tiber Courtyard ed il basket playground artistico realizzato a Valso San Paolo a Roma. Una sperimentazione creativa di Greg Jager che trasforma un’area sportiva in uno spazio comunitario di riflessione propositiva.


Rigenerazioni urbane, i ragazzi cambiano il volto della città


Com’è fatto il basket playground artistico di Roma?

Non si tratta di semplice riqualificazione di uno spazio urbano, ma di una rappresentazione dell’anima del quartiere romano. La street art e l’uso dei colori danno all’area sportiva un’estetica diversa che esprime un concetto di rinnovamento funzionale. Il campo infatti è suddiviso in sezioni di tonalità diverse in cui però si distinguono il centro e le aree. Greg Jager applica l’astrattismo alle zone urbane, ragionando sulla superficie. Un luogo pubblico, destinato allo sport è infatti cuore di dialoghi e intersezioni della collettività. L’intervento ha riguardato prima le migliorie strutturali del perimetro di gioco e poi la creazione del patchwork di cromie. Convernice speciale e durevole l’artista ha creato geometrie che si accostano come le relazioni umane.

Greg Jager e l’arte

Ha 37 anni e lavora a Roma. Le sue creazioni per gli spazi pubblici esplorano le relazioni tra uomo e contesto. Utilizza un linguaggio fatto di forme e linee per riprodurre algoritmi visuali che presenta in dipinti, installazioni e murales. Collabora con istituzioni culturali, musei e gallerie sia in Italia che all’estero. Tra le sue opere principali ci sono gli spettacoli collettivi “The architectura Eloqientia” e “My place”.

Il basket playground artistico e l’ambientazione

Tiber Courtyard è un esperimento pubblico che non ha niente a che vedere con l’abuso visivo. Ha lo scopo di generare valore, aggregazione comunitaria e riflessione propositiva sul futuro delle città. Si pensa cioè alla riconnessione tra la metropoli e i suoi abitanti, tra i luoghi e le funzioni contaminanti. Il campo da basket è orizzontale, caratteristica che l’artista sfrutta per obbligare a fruire delle immagini. Il bando Lazio street-art offre lo spunto per ideare un’opera di design urbano. Così Jager realizza il progetto per la società sportiva All Reds Basket Roma. Il campo da pallacanestro diventa quindi la superficie su cui raffigurare il rifiuto all’imposizione di regole e schemi.

Il quartiere Valso San Paolo

Una zona di Roma in cui stabili industriali del passato convivono con un’università e zone residenziali. Una periferia con un’identità solida che cerca di limitare il degrado a favore di soluzioni vivibili.

Commenti