Basket, Eurolega: l’Olimpia Milano tiene testa all’Olympiacos poi si arrende 86-85

0
133

Mentre i campionati lasciano spazio alla parentesi nazionali, l’Eurolega non conosce sosta, trasportando con sé l’AX Armani Exchange Milano. Reduce da due vittorie consecutive in chiave europea, la formazione lombarda guidata da coach Pianigiani ha dovuto affrontare i campioni dell’Olympiacos Pireo in una gara in cui i due roster si son dati battaglia dall’inizio alla fine, senza esclusione di colpi. Ad avere la meglio dopo 40’ di gioco sono stati i greci Ioannis Sfairopoulos, spuntandola di un solo punto 86-85, guidati dai 22 punti e 7 rimbalzi di un ispiratissimo Jamel McLean che ha interpretato nel migliore dei modi la gara dell’ex (due anni consecutivi in maglia Olimpia fino a giugno di quest’anno). Porta la sua firma anche il gioco da tre punti valevole la vittoria. A Milano non bastano i 20 di Theodore e la doppia doppia di Gudaitis on 19 punti e 10 rimbalzi. Dato rilevante ai fini di un match in cui l’Armani ha dominato con prepotenza nel pitturato avversario conquistando ben 15 rimbalzi (37 totali). Nel finale non entra a bersaglio l’ennesima magia cercata da Curtis Jerrells (solo 7 punti in 26’) che avrebbe consentito all’Olimpia di vincere la terza partita consecutiva in Eurolega. Scelta errata del texano, in alcuni frangenti troppo egoista, non servendo il proprio compagno Micov, posizionato centralmente da dietro l’arco senza alcuna marcatura.

Prosegue invece l’ottimo momento dell’Olympiacos che centra la sua settima vittoria europea e guida la classifica nonostante le due sconfitte subite.

LA PARTITA – Nonostante l’ottima partenza dell’Olimpia con Jefferson, la luce dell’inventiva si spegne immediatamente, lasciando spazio alle folate offensive di Strelnieks (9-14). È temporanea la fase negativa milanese, infatti i meneghini riescono subito a reagire all’avanzata greca inferendo un parziale di 12-0 guidato da Jefferson e chiuso con il lay up di Micov (21-14).

L’Olympiacos si avvicina attaccando il ferro e sfruttando la taglia di Papanikolau quando Milano si abbassa con i tre piccoli. Arriva a meno uno con una tripla allo scadere dei 24″ di Mantzaris, poi pareggia con Strelnieks, indemoniato, e sorpassa quando la guardia lettone mette due liberi dopo che una bomba di Jerrells è cancellata dall’instant-replay. La decisione sancisce il momento più difficile del primo tempo dell’Olimpia, quello in cui la difesa si abbassa di intensità per qualche possesso, Strelnieks segna a raffica (14 nel primo tempo) e qualche tiro in attacco non va. Una schiacciata di McLean spinge Milano a meno sei con conseguente time-out di Coach Pianigiani, poi un’altra a meno sette quando Jerrells segna da tre su un altro rimbalzo d’attacco di un grande Tarczewski (otto rimbalzi a metà gara). All’intervallo l’Olympiacos è avanti 46-42.

Tarczewski aggredisce il secondo tempo prendendo il quarto fallo di Milutinov. L’Olimpia arriva a ripetizione a meno uno, ma non riesce a superare i greci. Brian Roberts è il più efficace nell’Olympiacos nel momento in cui Jerrells mette la museruola a Strelnieks. McLean usa la sua energia dentro l’area offensiva, poi Printezis mette la tripla del +6 sul 57-51, poi scappa con McLean e Mantzaris. Milano risponde, da meno 10, di nuovo a meno sei dopo quattro punti consecutivi di Micov e due liberi di Jefferson. Poi risponde ancora, con un’entratona di Kalnietis, due buone difese e una penetrazione velocissima di Theodore. Alla fine del terzo periodo il disavanzo è sceso ancora a quattro punti, 66-62. McLean con un lungo jumper prova a far scappare l’Olympiacos. Gudaitis risponde con due penetrazioni inedite attaccando dal palleggio, poi un tiro libero. Pascolo con un fade-away clamoroso accorcia a meno uno sul 69-70; Micov con una tripla frontale dopo una grande tenuta difensiva di squadra genera il sorpasso, Gudaitis con un gioco da tre punti firma il 75-72 in un quarto quarto da battaglia. Papanikolau con una tripla impatta ancora mentre Theodore commette il quarto fallo. E’ lui a prendere il fallo di Tarczewski che gli regala i due liberi del nuovo vantaggio Olympiacos. Gudaitis pareggia con una schiacciata. Theodore con due entrate manda avanti Milano. McLean con un gioco da tre supera a 40 secondi dalla sirena. Su un’entrata di Jerrells, Gudaitis non riesce a concludere positvamente dopo un quarto periodo da 14 punti. A Jerrells la magia dopo lo 0/2 di Papanikolau questa volta non riesce e l’Olympiacos vince 86-85.

Condividi e seguici nei social
error

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here