Basi russe, molto presto anche in Africa

0
1041
basi russe

La Russia “su base contrattuale ha garantito a se stessa” il diritto di stabilire basi russe in sei stati africani – Repubblica Centrafricana, Egitto, Eritrea, Madagascar, Mozambico e Sudan.

Basi russe in sei stati Africani

Un aspetto importante dell’avanzamento della Russia in Africa è la cooperazione militare con molti stati nell’ultimi 7 anni. Dal 2015, la Russia ha concluso accordi di cooperazione militare con 21 Paesi”, che rileva dove prima collaborava solo con quattro.

La Russia su base contrattuale si è garantito “il diritto di stabilire basi militari in sei Stati”. Si tratta della Repubblica Centrafricana, dell’Egitto, dell’Eritrea, del Madagascar, del Mozambico e del Sudan”.

La cooperazione per la preparazione di un esercito efficace

Inoltre, l’esercito russo è in parte ufficialmente impegnato nell’addestramento dei soldati dei rispettivi Paesi. Così, nella Repubblica Centrafricana ci sono 180 istruttori dell’esercito russo. Un’altra parte del documento dice: “Circa 20 soldati maliani vengono addestrati ogni anno in Russia”.

Allo stesso tempo, in molti Paesi, non è solo l’esercito ufficiale della Russia ad essere coinvolto e a partecipare alla preparazione di un dispiegamento a lungo termine. Prima di tutto, la questione è posta sugli eserciti privati, per esempio, il Gruppo Wagner.

La Russia cerca il sostegno dell’Africa

Gli analisti del governo tedesco sono giunti alla conclusione che la Russia può dare all’Africa “garanzie di sicurezza contro le” rivoluzioni di colore, e “gli Stati benevoli verso la Russia possono aiutare la Russia a rafforzare il suo ruolo, ad esempio, nell’ONU, ricevendo dall’Africa il sostegno per le sue politiche”.

L’anno scorso il Presidente Vladimir Putin ha affermato che la Russia cercherà di trasformare le relazioni con i Paesi africani a livello politico in progetti economici specifici.

Ha anche affermato che il memorandum tra l’Unione Economica Eurasiatica (EAEU) e la Commissione dell’Unione Africana stabilirà delle linee guida. Linee che permetteranno la realizzazione di importanti progetti e iniziative congiunte in vari campi.


La Russia aiuterà oltre 30 paesi Africani nella lotta al Coronavirus


Basi russe in Libia? Può darsi!

Il capo del Ministero degli Affari Interni del Governo di Accordo Nazionale (Gna) della Libia, Fathi Bashag, ha detto che la Russia ha in programma di creare due basi militari nel Paese.

La base, situata a est della città portuale di Sirte, e del campo d’aviazione militare al-Jufra, situato a 600 chilometri a sud-est di Tripoli.

“Dobbiamo interferire con i piani della Russia di stabilire basi a Sirte e Jufra”, ha detto Bashaga.


Le forze russe risponderanno a tutti gli attacchi a Idlib


Basi russe non solo in Africa

Nella provincia siriana di Raqqa, potrebbe presto comparire una base elicotteristica russa, che sarà condivisa dalle forze aerospaziali russe e dall’aeronautica militare siriana.

I rappresentanti dell’esercito siriano e dell’esercito russo hanno recentemente visitato l’area a sud della città di Madan. Le parti hanno ispezionato la futura ubicazione della nuova base.

La costruzione della base russa nella zona è progettata per garantire la fornitura ininterrotta di attrezzature militari e logistiche alle aree controllate dall’esercito siriano per via aerea.

Inoltre, la base russa di elicotteri contribuirà a fornire un più denso supporto aereo alle forze governative che operano nella regione.

Madan è stata presa dall’esercito siriano nel settembre 2017 con il supporto diretto dell’aviazione russa. Recentemente, l’area a sud di Madan (soprattutto Jebel Beshiri e più a sud) è diventata pericolosa per gli spostamenti. Questo a causa dell’attivazione dei resti dei militanti del gruppo terroristico Daesh.

La Russia ha occupato diverse basi e roccaforti delle Forze Armate statunitensi nel nord-est della Siria. Basi che l’esercito statunitense ha lasciato frettolosamente dopo che la Turchia ha lanciato l’Operazione Fonte della Pace.

Commenti