Barriere coralline: la prima mappa ad alta risoluzione

0
286
Barriere coralline

Un gruppo di ricercatori ha prodotto la prima mappa satellitare ad alta risoluzione delle barriere coralline poco profonde del mondo. L’Allen Coral Atlas è uno strumento che i responsabili politici, gli ambientalisti e il pubblico in generale possono utilizzare per comprendere e preservare le barriere coralline in un momento in cui sono sempre più minacciate dalla crisi climatica e dallo sviluppo costiero.

Un bene pubblico digitale

L’atlante è il prodotto di tre anni di lavoro svolti da più di 450 gruppi di ricerca e di quasi due milioni di immagini satellitari. Il nome è stato dato in onore dl defunto co-fondatore e filantropo di Microsoft Paul Allen, che è stato uno dei primi istigatori del progetto. Come già affermato, l’atlante è stato un lavoro di squadra. Le immagini satellitari ad alta risoluzione sono fornite e regolarmente aggiornate da Planet. L’Arizona State University sceglie quindi le immagini e l’Università del Queensland utilizza l’apprendimento automatico e i dati regionali per generare diversi tipi di mappe. La National Geographic Society insegna agli ambientalisti come utilizzare al meglio la mappa, mentre la società di Allen, Vulcan, ha finanziato il sito web che la rende accessibile.


Le aragoste potrebbero salvare le Barriere Coralline


Un traguardo importante per salvare le barriere coralline

In precedenza, solo il 25% delle barriere coralline del mondo era stato mappato utilizzando immagini ad alta risoluzione e non esisteva un processo di mappatura coerente che collegasse le diverse regioni. Questo nuovo atlante costituisce un traguardo da non sottovalutare. L’unico limite del progetto è la profondità, come ha sostenuto anche Greg Asner, direttore del Center for Global Discovery and Conservation Science dell’Arizona State University. L’attuale tecnologia satellitare può solo “colpire l’acqua di mare” fino a circa 15 metri.

Strumento di conservazione delle barriere coralline

La mappa arriva anche in un momento cruciale sia per le barriere coralline del mondo sia per gli ecosistemi e le comunità umane che dipendono da esse. “Le barriere coralline sono una sorta di nesso tra la crisi del clima e della biodiversità”. Questo è quanto ha detto alla conferenza stampa l’amministratore delegato per il governo Chuck Cooper. L’atlante, quindi, è progettato con strumenti speciali che possono aiutare i governi e gli scienziati a rispondere a queste crisi. Brianna Bambic, responsabile del programma della National Geographic Society, ha affermato che l’uso predominante finora è stato nella pianificazione delle aree marine protette. L’atlante fornisce una mappa bentonica, che aiuta i pianificatori a vedere dove si trovano i diversi tipi di habitat sulla barriera corallina, come coralli o alghe. Essa fornisce inoltre informazioni che consentono ai pianificatori di vedere quali aree sono già protette.

L’enorme utilità dell’atlante

Wen Wen, pianificatore dello spazio marino in Indonesia, ha dichiarato in un comunicato stampa che “l’Allen Coral Atlas sta svolgendo un ruolo importante. Fornisce luoghi alternativi per un progetto di sviluppo economico costiero che sia sostenibile dal punto di vista ambientale. Questo strumento è una benedizione per il nostro paese”. Si prevede che questo tipo di utilizzo diventerà ancora più importante quando i paesi si riuniranno al vertice della Convenzione delle Nazioni Unite sulla diversità biologica a Kunming, in Cina, il prossimo anno. Un obiettivo che dovrebbe scaturire da quella conferenza è l’obiettivo di proteggere il 30% della terra e dell’acqua entro il 2030. “Questo atlante sarà uno strumento davvero prezioso per loro”, ha detto Cooper. In effetti, paesi come il Mozambico e le Figi che si sono già impegnati a raggiungere l’obiettivo stanno utilizzando l’atlante per scegliere quale parte della loro costa proteggere.