Nel centro privato di riabilitazione Sant’Agostino di Noicattaro nel Barese sono state arrestate quattro maestre accusate di maltrattamenti a bambini affetti da autismo.

Più di 100 episodi di violenze sono stati confermati nell’istituto da parte delle quattro donne.

Le educatrici

Si tratta di quattro educatrici di età compresa tra i 42 e i 28 anni. Le donne avevano il compito di occuparsi di percorsi riabilitativi ed educativi per minori affetti da autismo o altre disabilità. Invece attuavano maltrattamenti, prendevano a botte, insultavano e minacciavano bambini autistici presenti nel centro.

Le vittime

Le vittime di tali violenze sono precisamente nove minorenni di età compresa tra i 7 e i 15 anni, impossibilitati a chiedere aiuto e comunicare gli episodi di violenza subiti a causa della grave forma di autismo di cui soffrono.

La denuncia dei fatti

L’indagine svolta dalla Stazione dei Carabinieri di Noicattaro e coordinata dalla Procura di Bari è stata avviata nell’Ottobre dello scorso anno. In quel periodo una dipendente riferì ai carabinieri di aver assistito a comportamenti violenti e vessatori delle educatrici nei confronti dei pazienti del centro. La donna ha comunicato i particolari di alcuni maltrattamenti e ha aggiunto che probabilmente erano cominciati già nel 2016.

L’indagine

L’indagine dei Carabinieri ha confermato tramite vari accertamenti più di 100 episodi di violenza fisica su minori affetti da autismo e su minori con anche altre forme di disabilità. Tramite altri controlli i Carabinieri hanno scoperto che le educatrici minacciavano anche a voce i bambini.

Consulenza psichiatrica per le maestre e arresto

La procura di Bari ha messo in atto anche una consulenza tecnica di un esperto psichiatrico per le maestre. I risultati della consulenza psichiatrica e l’accertamento delle condotte violente e vessatorie delle maestre hanno permesso di richiedere e ottenere dal gip gli arresti domiciliari per le quattro educatrici. I loro comportamenti hanno causato gravi danni a bambini che già soffrono di una patologia grave.

Annunci

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here