Barbie, la ”Fashion Doll” più  venduta al mondo quest’anno compie sessant’anni, impossibile, dunque, non celebrare la nascita di una delle protagoniste assolute ed  indiscusse dell’infanzia di ogni bambina, icona globale che da dodici lustri è riuscita ad abbattere le barriere linguistiche, sociali  e culturali, diventando dalla sua nascita ad oggi un vero e proprio fenomeno sociologico.

I creatori della glamour icona di plastica dichiarano che ne sono state vendute ad oggi  più di un miliardo di pezzi, in più di 150 paesi al mondo, ad un ritmo di tre pezzi  al secondo.

Barbara Millicent Roberts, nome intero della bambola che ha segnato un’epoca e che ha ispirato  la vita di molte  future donne, originaria di Willow nel Wisconsin, è stato il primo giocattolo al mondo ad avere una strategia di mercato basata massicciamente sulla pubblicità televisiva, consentendole così di entrare nelle case di tutte le bambine del mondo e di alimentare il loro desiderio di possederla.

In occasione del suo 60º compleanno, i creatori della bambola hanno voluto rendere omaggio a 17 personalità femminili del passato e del presente di tutto il mondo, donne che provengono da settori e contesti diversi nel  tentativo di diventare una fonte di ispirazione  per la prossima generazione di ragazze.

Da sempre, infatti, la missione della Barbie è quella di ispirare il potenziale infinito di ogni bambina, proprio per questo, la casa produttrice della Barbie ha deciso, in occasione della festa internazionale della donna, di rendere omaggio a modelli di ispirazione nel tentativo di celebrare i sessant’anni che decorrono dalla sua nascita che risale al marzo del 1959.

Grazie a questa celebrazione, le bambine di oggi, nonché donne di domani, potranno avere, come modello di riferimento, donne che hanno superato i confini nel loro settore e  sono andate oltre i  limiti imposti dalla società.

Tra i modelli umani fonte di ispirazione per la  nuova  generazione di Barbie ricordiamo le figure  seguenti:

– Frida Kahlo, pittrice di fama mondiale ricordata per il suo stile unico ed  inconfondibile, attivista e simbolo di forza morale;

– Amelia Earhart, prima aviatrice ad avere attraversato l’oceano Atlantico;

– Katerine Johnson, pioniera nelle scienze matematiche, ha creato un gruppo  di sole donne assunte dalla NASA per calcolare la traiettoria del primo volo americano nello spazio:

– Sara Gama, calciatrice italiana capitano della Juventus football club e della nazionale italiana femminile nonché laureata in lingue e letterature straniere;

– Martyna Wojciechwska, giornalista, redattrice, presentatrice tv e autrice  polacca;

– Yuan Yuan Tan, prima ballerina della San Francisco Ballet  di origine cinese.

La Barbie, che in questi sessant’anni ha cambiato circa 90 professioni ed ha  acquisito circa 50 nazionalità è moderna,  libera, fashion, in carriera ed emancipata, è simbolo di una donna che può essere  qualsiasi cosa lei voglia a dispetto di una società che tende a rilegare la figura femminile in secondo piano.

Condividi e seguici nei social
error

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here