Barbara d’Urso battuta da Francesca Fialdini, ecco i dati

0
1002

Una domenica a ruota libera

Barbara d’Urso è tornata con il suo appuntamento consueto con Domenica Live. Il talk show pomeridiano si è scontrato con a ruota libera di Francesca Fialdini. Chi ha avuto la meglio nello scontro dello share? Il programma di Rai 1 è stato seguito da circa 2 milioni di telespettatori con uno share pari al 13,9%. La trasmissione di Barbara d’Urso, invece, al suo esordio ha appassionato 1,5 di spettatori con uno share pari al 12, 2%. Insomma, rispetto all’esordio dello scorso anno, lo show della D’Urso è partito leggermente in sordina.

La rubrica di Francesca Fialdini, si presenta in maniera molto diversa rispetto a quella dello scorso anno di Cristina Parodi. Quest’ultima, con il suo programma, veniva sempre battuta dalla Carmelita nazionale. Ora la d’Urso dovrà vedersela tutto l’anno contro l’ex conduttrice di La vita in diretta. Uno scontro tra bionde.

Barbara D’Urso battuta da Francesca Fialdini

Nonostante Barbara D’Urso sia stata battuta da Francesca Fialdini, il suo domenica live ha avuto ospiti altisonanti. Sì è partiti subito con Loredana Lecciso e la figlia Jasmine Carrisi. Quest’ultima ha smentito categoricamente una presunta gravidanza e la pseudo relazione con Giovanni Antonacci, figlio di Biagio e Marianna.

Oltre a domande pungenti e a sorprese emozionanti, sono poi entrati in studio Francesca De Andrè e il suo amore ritrovato Giorgio Tambellini. Quest’ultimo, non propriamente amato da Barbara d’Urso, ha ascoltato le parole della sua ragazza circa le accuse mosse contro la sorella Fabrizia e il padre Cristiano. Insomma, una puntata ricca di colpi di scena.

Live non è la d’Urso

Se Barbara D’Urso è stata battuta da Francesca Fialdini nella sfida dello share, è giusto dire che la seconda puntata di live non è la d’Urso è andata a gonfie vele. La Carmelita nazionale ha ospitato Matteo Salvini, Adriano Panzironi, Marco Carta e la mamma di Sebastian Caltagirone.

Tanti ospiti e tanti colpi di scena. Sono volate anche parole pesanti soprattutto da parte di Asia Argento ed Alba Parietti nei confronti di Matteo Salvini. Anche Luxuria non è stata molto delicata nei confronti di Marco Carta in quanto sostiene che quest’ultimo non abbia puntato il dito contro colei che si è autoproclamata colpevole di aver rubato le maglie alla Rinascente di Milano.

Commenti