Bangladesh: esplosione in un deposito container, almeno 34 morti

0
235
Bangladesh: esplosione

Tragedia in Bangladesh, dove un’esplosione in un deposito container ha causato almeno 34 morti e oltre 400 feriti. Non è chiaro cosa abbia causato l’incendio. Le autorità temono che possa trattarsi di un atto di sabotaggio.

Esplosione in Bangladesh: cos’è successo?

Almeno 34 persone sono rimaste uccise e oltre 400 ferite in un’esplosione, seguita a un incendio, avvenuta in un deposito di container privato vicino al più grande porto del Bangladesh, Chittagong. Tra i feriti anche i vigili del fuoco che erano sul posto nel tentativo di domare le fiamme. Le esplosioni hanno scosso il quartiere e hanno frantumato i vetri delle case vicine. Secondo il portavoce dell’Associazione container del Bangladesh, Ruhul Amin Sikder, “non è escluso un atto di sabotaggio”. Sikder ha poi sottolineato che “l’entità dell’esplosione non è inferiore a quella che abbiamo visto a Beirut il Libano alcuni anni fa”.

“Circa 19 unità antincendio stanno lavorando per estinguere l’incendio e sul posto sono arrivate anche sei ambulanze”, ha invece affermato il vicedirettore del servizio antincendio e di difesa civile di Chittagong, Md Faruk Hossain Sikdar. Il chirurgo civile di Chittagong, Mohammed Elias Hossain, ha esortato tutti i medici del distretto ad aiutare ad affrontare la situazione e ha chiesto donazioni di sangue di emergenza.

Non è chiaro cosa abbia causato l’incendio. Secondo le prime indagini, nel deposito dei container sono divampate le fiamme e due ore dopo si è verificata un’esplosione che ha provocato il propagarsi dell’incendio. Secondo i vigili del fuoco, la presenza di perossido di idrogeno in uno dei container che avrebbe facilitato lo sviluppo ulteriore dell’incendio.


Leggi anche: Bangladesh, incendio devasta campo profughi dei Rohingya