Azioni mondiali in perdita a causa della recessione e del rialzo tassi di interesse

0
324
Azioni mondiali

Venerdì le azioni mondiali hanno chiuso il calo settimanale più ripido dal crollo della pandemia di marzo 2020. Poiché gli investitori temevano che una politica monetaria più rigida da parte delle banche centrali che combattono l’inflazione potesse danneggiare la crescita economica. L’oro è sceso dello 0,8% a $ 1.841,13 l’oncia, appesantito da un dollaro più fermo.

Azioni mondiali in perdita: quali le cause?

Invetitori dunque, scossi dopo una settimana brutale e tumultuosa per Wall Street. Con l’S&P che ha registrato un decimo calo settimanale nelle ultime 11 settimane. Dopo che la Federal Reserve statunitense ha scatenato il suo più grande aumento del costo dei prestiti da quasi 30 anni. Per affrontare i prezzi al consumo roventi. Il terzo aumento della Fed è stato seguito dal quinto aumento consecutivo della Banca d’Inghilterra e il primo in 15 anni dalla banca centrale svizzera. Sottolineando le crescenti preoccupazioni globali sull’inflazione. Le mosse hanno causato una svendita globale giovedì. Venerdì i mercati statunitensi ed europei hanno cercato di mettere in scena un rimbalzo, ma alcuni indici sono tornati in rosso nel corso della giornata.


Leggi anche – Il dollaro si rafforza, l’oro non è più un asset sicuro e la Cina trema: la tempesta perfetta


Economia globale nel 21° secolo: dove si sta dirigendo?


Continua il crollo delle criptovalute: perchè stanno andando in crash?

Trading tumultuosi

L’S&P 500 è salito dello 0,2% dopo aver oscillato tra perdite modeste e guadagni per la maggior parte della giornata. Il Dow Jones Industrial Average è sceso dello 0,1%, mentre il Nasdaq Composite è salito dell’1,4%. Il trading relativamente tranquillo ha coronato una settimana brutale e tumultuosa per Wall Street. L’S&P 500 ha perso il 5,8% per il suo decimo calo nelle ultime 11 settimane. Questa è la sua settimana peggiore da marzo 2020. Quando le azioni erano in caduta libera e l’economia globale si è improvvisamente arrestata all’inizio della pandemia. Mentre altrove, i mercati oscillavano. Alla chiusura in Europa, il FTSE 100 di Londra è sceso dello 0,4% e il CAC 40 di Parigi è sceso dello 0,1%. Il DAX di Francoforte è salito dello 0,7%.

L’inflazione non si arresta

Qualsiasi mancanza di chiarezza o mancanza di fiducia nella Federal Reserve creerà molta volatilità nel mercato. Difatti c’è molta incertezza in questo momento sui tempi di una recessione, ma i rischi sono chiaramente in aumento. Il sentimento è peggiorato di nuovo quando i dati ufficiali degli Stati Uniti hanno mostrato che la produzione industriale a maggio era aumentata solo dello 0,2%. Molto più lentamente di aprile e più debole del previsto. Tuttavia i tentativi positivi vengono rapidamente eliminati. Poiché l’inflazione non diminuisce. Venerdì la Banca del Giappone è stata in controtendenza rispetto al trend globale. Confermando la sua decisione di non aumentare il tasso, portando lo yen vicino al livello più basso rispetto al dollaro dal 1998. La sterlina è scesa dell’1% a New York mentre gli investitori si sono concentrati sul divario tra i tassi statunitensi e britannici.