Avanza il ciclone sul Mediterraneo: ancora meteo estremo con rischio nubifragi

0
156
Avanza il ciclone

Avanza il ciclone sul Mediterraneo: ancora meteo estremo ultimissime sui possibili nubifragi. Si profila un’altra settimana, la prossima, all’insegna del maltempo. 

Avanza il ciclone sul Mediterraneo: ancora meteo estremo con rischio nubifragi. Non su tutte le regioni, anzi, solamente alcune potrebbero ricevere piogge, le altre potrebbero usufruire del miglioramento indotto dall’espansione dell’Alta Pressione sull’Europa centro occidentale. Scenari meteo diametralmente opposti ed è il prezzo da pagare quando a mancare sono le vere perturbazioni atlantiche. 

Anche stavolta, infatti, dovremo fronteggiare un vero e proprio ciclone mediterraneo i cui effetti potrebbero risultare particolarmente marcati. Parliamo di meteo estremo, ancora una volta ci vediamo costretti a dover affrontare nubifragi particolarmente intensi. A questo punto vi starete chiedendo, giustamente, quali saranno le regioni a rischio. Diciamo che inizialmente le precipitazioni potrebbero colpire le due Isole Maggiori e il Centro Sud, con possibilità di qualche nubifragio sulle tirreniche centro meridionali e tra le due Isole Maggiori.

Il Nord, eccezion fatta per qualche pioggia in Emilia Romagna e qualche nevicata lungo l’arco alpino, dovrebbe usufruire della vicinanza anticiclonica. Ciò che preoccupa, carte alla mano, è l’evoluzione meteorologica della fase centrale della prossima settimana. Sì, perché a quanto pare il ciclone potrebbe risalire verso nord-nordest, peraltro approfondendosi ancora. Dovrebbe puntare Sardegna e Sicilia, regioni sulle quali focalizzare maggiormente l’attenzione. Alcuni modelli matematici, quelli a più alta risoluzione, mostrano la possibilità di piogge torrenziali sulla Sardegna orientale e meridionale, ma anche sulla Sicilia sudoccidentale.

Parlare di accumuli, in questo momento, è difficile. Possiamo darvi una prima stima, tenete conto che nelle aree suddette ci vengono mostrati picchi superiori a 200 mm e conoscendo la fragilità idrogeologica di alcune zone insulari dovremo effettivamente prestare molta attenzione ai vari aggiornamenti modellistici. In tal senso saranno fondamentali gli aggiornamenti dei prossimi giorni, segnatamente d’inizio settimana, perché a quel punto sapremo con certezza – o quasi – quale sarà l’esatto posizionamento del vortice e quanto sarà stato in grado di intensificarsi. Motivo per il quale vi invitiamo a seguire con costanza gli approfondimenti che proporremmo tra domenica e lunedì.

Fonte: Meteo Giornale