Auto elettriche in Germania: arrivano incentivi e colonnine di ricarica

0
879
Germania: approvato il piano clima per incentivare il ricorso alle auto elettriche.

Il mercato delle auto elettriche in Germania nei prossimi anni potrebbe andare incontro ad una decisa impennata grazie ad un piano approvato dal Governo per provare a contrastare efficacemente l’emissione di gas serra nell’atmosfera. La maggioranza guidata da Angela Merkel ha dato il via libera ad una serie di interventi che prevedono innanzitutto la concessione di incentivi per coloro che acquisteranno vetture elettriche che costano meno di 40mila euro, ma anche una maggiore presenza di strutture di ricarica e un aumento del prezzo del carburante.

Il piano per il clima tedesco volto a far decollare una volta per tutte le vendite di auto elettriche in Germania, è diventato effettivo al termine di diverse settimane di trattative piuttosto serrate. Il pacchetto prevede un investimento complessivo di circa 100 miliardi di euro, di cui 54 miliardi dovranno essere stanziati entro il 2023. Nel complesso, le misure ecologiche non riguarderanno soltanto i trasporti, ma anche l’agricoltura e l’adozione di impianti di riscaldamento green. L’obiettivo del Governo è quello di arrivare per il 2030 a rispettare i parametri climatici e di abbassamento delle emissioni che salteranno nel 2020 perché si è deciso di agire troppo tardi rispetto alla tabella di marcia.

Germania: più auto elettriche per abbattere le emissioni di gas serra.

Dunque, entro i prossimi 11 anni, la Germania punta ad una drastica riduzione del 55% del rilascio di gas inquinanti nell’ambiente, ritornando così ai livelli del 1990. Il ministro delle Finanze Olaf Scholz ha dichiarato che la novità più significativa è quella che riguarda l’introduzione di un prezzo in caso di produzione di gas serra nei comparti della riqualificazione energetica degli edifici e della mobilità. Il principio di fondo, dunque, sarà quello del «chi più inquina più paga», nella speranza che ciò possa convincere i cittadini tedeschi ad adottare misure che tutelino maggiormente la salute del pianeta.

Il costo di queste attività verrà calcolato tenendo conto del sistema ufficiale dei certificati di emissioni e crescerà gradualmente nel tempo a partire dal 2021. In particolare, l’obiettivo dell’esecutivo tedesco in questo caso è di lanciare un chiaro segnale all’industria automobilistica affinché adotti una volta per tutte sistemi di produzione e vetture non inquinanti.

Il piano clima per promuovere le auto elettriche in Germania

Per quanto riguarda le auto elettriche in Germania, il Governo capitanato da Angela Merkel si è posto il traguardo della vendita di 7-10 milioni di queste vetture entro il 2030. Inoltre è stata garantita l’installazione di diverse colonnine di ricarica nelle varie città del Paese, poiché ci si è resi conto che la scarsa disponibilità di queste strutture è stata una delle cause che hanno dissuaso i consumatori dall’acquisto di automobili ecologiche.

Salone di Francoforte 2019 nel segno di auto elettriche e ibride

Molto importante è anche il piano di incentivi attivato per coloro che compreranno auto elettriche in Germania, e che coinvolgerà sia lo Stato che le singole aziende automobilistiche. Per il momento gli esponenti politici della maggioranza non hanno comunicato il costo ufficiale della misura, mentre è stato chiarito che in questa prima fase si potrà applicare alle macchine che avranno un prezzo di listino inferiore ai 40mila euro. Ci sarà anche una diminuzione delle imposte relative al consumo di energia elettrica non inquinante.

Germania: verranno installate colonnine di ricarica in tutto il Paese.

Infine, per disincentivare ulteriormente la tendenza all’acquisto di utilitarie tradizionali, il Governo tedesco avvierà una campagna di incremento del costo della benzina e del diesel a partire da 3 centesimi, fino ad arrivare a 10-15 centesimi al litro per il 2026. Al contempo, verranno concesse maggiori detrazioni fiscali ai pendolari sull’utilizzo del carburante, per far sì che costoro possano ammortizzare al meglio l’aumento del prezzo di diesel e benzina.

Commenti