Auto elettriche ed ibride: lotta alle emissioni di CO2

0
603
Auto elettriche

Il 2021 si aprirà all’insegna della lotta alle emissioni. Sono molte le aziende automobilistiche che stanno declinando le lusinghe dei carburanti convenzionali. Il futuro sta nelle auto elettriche ed ibride. A riprova di ciò anche gli incentivi statali, previsti per il 2021, per chi volesse acquistare auto con emissioni fino a 60 g/Km di Co2.

Quali sono le auto elettriche più attese?

Tra le più attese c’è sicuramente la Dacia Spring, il crossover che apre il mercato delle auto elettriche per l’azienda produttrice. Anche Škoda si appresta a debuttare e lo farà nel segmento dei Suv elettrici con la sua Enyaq. La Enyaq 50 sarà equipaggiata con un pacco batteria da 55 kWh, che alimenterà un’unità elettrica da 148 CV per un’autonomia fino a 340 km. Ancora con i crossover, la Nissan lancerà la Ariya, un crossover con un’autonomia fino a 500 km e una potenza massima di 394 CV.

Gli incentivi statali

Lo scorso anno la scelta limitata ed il costo elevato delle auto elettriche non invogliava all’acquisto. Oggi le cose sono diverse. Con gli incentivi statali ed il mercato che naviga a vele spiegate verso questo nuovo trend, comprare un’auto elettrica potrebbe diventare presto la regola più che l’eccezione. Le vetture elettriche rientrano nella prima fascia degli incentivi statali messi a disposizione dal Governo. L’obiettivo è favorire l’acquisto di veicoli a basso impatto ambientale.

L’Ecobonus

Otre all’Ecobonus, le vetture immatricolate da 1 agosto al 31 dicembre 2020 potranno godere di uno sconto maggiorato sul prezzo di listino. Prezzo che varierà da 6.000 a 10.000 €, a seconda che si rottami o meno il veicolo. Per il bonus fino a 10.000 € è necessario rottamare un’auto con più di 10 anni di vita di classe fino a Euro 4, acquistare una vettura con emissioni di CO2 comprese tra 0 e 21 g/km ed acquistare una auto con prezzo di listino inferiore ai 61.000 euro.