Austria: Strache condannato per aver accettato tangenti

La condanna per l’ex vicecancelliere sarebbe di 15 mesi di libertà vigilata

0
361
Austria: Strache condannato per aver accettato tangenti

L’ex vicecancelliere dell’Austria e presidente del partito di estrema destra FPÖ Heinz-Christian Strache è stato condannato a 15 mesi di libertà vigilata per corruzione. Strache avrebbe accettato delle tangenti da parte della clinica privata Währing per consentire delle modifiche del fondo di diritto pubblico PRIKRAF, che opera nell’ambito delle cliniche. La sentenza non è tuttavia definitiva.

Austria: 15 mesi di libertà vigilata per Strache

Heinz-Christian Strache, l’ex vicecancelliere austriaco e presidente del partito di estrema destra FPÖ, è stato condannato a 15 mesi di reclusione condizionale per corruzione. A emettere la sentenza è stato il tribunale regionale di Vienna. Le accuse riguardano il fatto che Strache avrebbe accettato delle tangenti in un sospetto acquisto di una legge legato alla clinica privata Währing. Anche il proprietario della clinica Walter Grubmüller, ha trascorso 12 mesi in libertà vigilata per corruzione. Si tratta tuttavia di sentenza non ancora definitiva. La difesa ha presentato un appello completo.

Che tipo di corruzione è avvenuta?

La condanna delineata dal tribunale di Vienna è in relazione di quanto avvenuto nell’ottobre 2016 e nell’agosto 2017. In questi due periodi, Grubmüller avrebbe donato prima 2mila euro e poi 10mila euro al partito FPÖ di Strache. A seguito della prima donazione, Strache, che presiedeva il partito, avrebbe esercitato una “influenza fattuale” su membri e funzionari del partito affinché il fondo di finanziamento dell’ospedale privato venisse modificato tramite una richiesta di iniziativa del partito. Così facendo, la Währing avrebbe potuto essere ammessa nel PRIKRAF. Quest’ultimo funge da fondo di diritto pubblico per il finanziamento dei servizi di 45 ospedali privati nell’Austria.

Solo le tangenti a beneficio della Währing sono riconoscibili

Il giudice Claudia Moravec-Loidolt ha affermato che “una connessione di fatto è stata chiaramente dimostrata in cambio della donazione di un ricco amico”. Strache ha sostenuto Grubmüller “in appoggio benevolo ed esclusivamente partigiano”. Rimane comunque riconoscibile la sola donazione di 12mila euro per garantire il sostegno del partito nell’ambito della modifica della legge PRIKRAF. L’applicazione dell’iniziativa è avvenuta a vantaggio della sola clinica Währing, e non alle altre cliniche che già fanno parte del fondo di diritto pubblico austriaco. Non risultano comprovabili e riconoscibili altre motivazioni.


Leggi anche: Austria e corruzione: una storia senza fine?