Attivisti per il clima a Davos protestano per il ruolo delle aziende petrolifere al WEF

0
321
World Economic Forum: chi parteciperà?

Gli attivisti della località svizzera chiedono un’azione più incisiva per affrontare la crisi climatica al World Economic Forum.
Decine di attivisti per il clima si sono riuniti a Davos per protestare contro il ruolo delle petrolifere al World Economic Forum (WEF) e chiedere un’azione più incisiva per affrontare la crisi climatica.

Cosa chiedono gli attivisti

Chiediamo un’azione concreta e reale per il clima“, ha dichiarato Nicolas Siegrist, il 26enne organizzatore della protesta, che è anche a capo del partito dei Giovani Socialisti in Svizzera. “Saranno nella stessa stanza con i leader di Stato e spingeranno per i loro interessi“, ha detto Siegrist a proposito della partecipazione delle compagnie energetiche alla riunione del WEF. L’industria del petrolio e del gas ha affermato di dover partecipare alla transizione energetica perché i combustibili fossili continueranno a svolgere un ruolo importante nel mix energetico mondiale, mentre i Paesi passano a economie a basse emissioni di carbonio. Più di 100 manifestanti riuniti in una piazza di Davos hanno scandito “cambia la tua dieta per il clima, mangia i ricchi“. Altri hanno fischiato le aziende petrolifere citate durante un discorso. “So che alcune aziende sono impegnate in attività alternative, ma credo che i governi, con i loro sussidi, debbano spostare il campo a favore delle energie alternative”, ha dichiarato Heather Smith, membro dell’Organizzazione 99%, un movimento di volontari. La Smith teneva in mano un cartello con la scritta “Stop Rosebank”, un giacimento di petrolio e gas nel Mare del Nord per il quale sta conducendo una campagna per fermare i progetti. La crisi economica e l’aumento dei tassi di interesse hanno reso più difficile per gli sviluppi delle energie rinnovabili attrarre finanziamenti, mentre le compagnie energetiche hanno tratto profitto dalla crisi energetica. “Ci sono ancora troppi soldi da guadagnare con gli investimenti nei combustibili fossili”, ha aggiunto la Smith.