Attentato Soleimani: la donna che forniva documenti agli Hezbollah è stata condannata a 23 anni

0
175
Ritratto del generale Qassam Soleimani

Hezbollah, sin dai primi giorni dopo l’attentato a Qassem Soleimani, avrebbe giocato un ruolo fondamentale nella ricerca dei colpevoli. Lo ha ammesso Mariam Taha Thompson, appena condannata a 23 anni di carcere per aver passato ai libanesi informazioni classificate. La Thompson è stata catturata a Erbil, nel kurdistan iracheno, nel febbraio 2020 mentre lo scorso 23 giugno ha confessato di aver passato materiale agl Hezbollah. Questo arresto aggiunge un capitolo ad una faccenda scomoda, che ha incrinato ancora di più i rapporti tra Iran e Usa.

Attentato a Soleimani: quale sarebbe stato il ruolo della Thompson?

Maria Thompson svolgeva il ruolo di traduttrice e viveva a Erbil, Iraq. Secondo i documenti del tribunale, la donna aveva rapporti stretti con una persona, di cui non si sa nulla, che era in contatto con gli Hezbollah. La formazione libanese, affiliata all’Iran, avrebbe beneficiato dei servizi della Thompson, che dal 2017 lavorava in una struttura del Dipartimento di Stato Usa. I documenti del tribunale inoltre parlano di una relazione messaggistica costante tra i due, che sarebbe aumentata a ridossi del dicembre 2019, quando gli Usa iniziarono le loro operazioni contro l’Iran. E queste operazioni, come ben sappiamo, hanno portato al raid contro Soleimani.

Dopo l’attentato il lavoro della donna è triplicato. Ha passato giornate intere ad inviare materiale confidenziale ai libanesi, mentre l’altra persona stava in contatto con i vertici di Hezbollah. I rapporti tra i due sono poi proseguiti, fino a che hanno scoperto alcune identità dietro l’attentato. Fino al giorno dell’arresto, il 27 febbraio 2020, la Thompson aveva riferito agli Hezbollah l’identità di 8 individui legati all’intelligence degli Stati Uniti, che avrebbero giocato un ruolo chiave nel raid.


Soleimani: squadre investigative indagano sull’omicidio

L’operazione Soleimani Martire è partita: l’Iran lancia i missili