Attentato alla sede regionale dei servizi di sicurezza russi

Attentato alla sede regionale dei servizi di sicurezza russi Fsb. Un kamikaze si è fatto esplodere.

È successo a  Arkhangelsk , nel Nord della Russia. Questa mattina prima delle nove locali un’esplosione alla sede dei servizi di sicurezza Fsb, ex Kgb ha procurato un morto e tre feriti.

La notizia è stata data da un portavoce del governo lgor Orlov  a Afp (Agence France Presse). Ha comunicato: “Un ordigno è esploso. Una persona è stata uccisa e altre tre sono state ricoverate in ospedale”.

Secondo le prime ricostruzioni dei fatti una persona ha uscito dalla borsa un oggetto che le è all’improvviso esploso in mano.  L’esplosione ha causato un morto. Il portavoce del Dipartimento Regionale di Arkhangelsk  fa sapere che non era un dipendente dei servizi di sicurezza russi, ma un esterno. Due invece  sono le persone ferite, che sono state portate d’urgenza all’ospedale. Un portavoce del Comitato Nazionale Antiterrorismo fa sapere che l’esplosione è avvenuta precisamente all’ingresso dell’edificio.

Il kamikaze è morto. Era un ragazzo di 17 anni che è stato identificato, ma di cui non sono state ancora diffuse le generalità. Le indagini si stanno svolgendo riguardo due possibili piste. Si pensa che possa essere stato una attacco di separatisti o di estremisti islamici. È stata aperta una procedura penale per terrorismo.

Il Governatore Igor Orlov ha volute specificare che si sta indagando per capire che tipo di esplosivo sia stato usato. Inoltre ha fatto sapere che sarà aumentata la sicurezza dei civili e degli edifici pubblici della regione Arkhangelsk.

La Presse ha notato come gli attacchi contro la polizia e i servizi di sicurezza in Russia siano rari , tranne nel Caucaso del Nord. La Russia ha vari soldati che combattono in Siria e in Iraq contro l’Isis. Da quando l’Isis è stato sconfitto, i jihadisti stanno cominciando a ribellarsi e ad attaccare più facilmente, motivo per cui molto probabile è un attacco terrorista dell’Isis.

Condividi e seguici nei social

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

RSS
Follow by Email
Facebook
Facebook