Grida Allah Akbar e accoltella un poliziotto davanti al commissariato della capitale belga. L’aggressore è stato subito arrestato

Bruxelles di nuovo sotto minaccia terrorismo. A rischiare la vita questa volta è un agente di polizia. È successo stamattina davanti al principale commissariato della città, in rue du Charbon. 

I giornali belgi riferiscono che l’agente è stato aggredito da un uomo armato di coltello. Testimoni affermano che prima di agire l’uomo avrebbe gridato Allah Akbar. L’aggressore è stato colpito con alcuni colpi d’arma da fuoco sparati dai colleghi del poliziotto. Sia la vittima che l’aggressore sono stati portati in ospedale e non sono in pericolo di vita. L’uomo era noto alle forze dell’ordine per traffico d’armi, ma non per terrorismo.Il caso viene trattato come potenzialmente terroristico.

Negli ultimi anni il Belgio, di cui il 6 % della popolazione è di origine islamica, ha subito vari attacchi terroristici di matrice islamica. Uno degli attacchi più gravi è avvenuto il 20 giugno 2017, quando il 36enne marocchino Oussama Z ha cercato di innescare un’esplosione nella stazione centrale di Bruxelles. Un altro attacco è avvenuto adopera del somalo Haashi Ayaanle, che ha accoltellato due soldati nel centro della capitale belga. Dal 2016 il Belgio vive in uno stato di massima allerta per via degli attacchi, che hanno causato la morte di circa 40 persone e ne hanno ferite più di 300.

Condividi e seguici nei social
error

1 COMMENT

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here