Attacco dei droni a Kabul ha ucciso 10 civili in un “tragico errore”

0
298
Afghanistan: Panshir

Ieri venerdì 17 settembre, l’esercito americano ha dichiarato che l’attacco di droni a Kabul che il mese scorso ha ucciso ben 10 civili, tra cui sette bambini, è stato un “tragico errore”.

Cosa hanno dichiarato gli USA sull’attacco dei droni a Kabul?

Il Pentagono ha detto che l’attacco del 29 agosto ha preso di mira un attentatore suicida dello Stato Islamico che rappresentava una minaccia imminente per le truppe guidate dagli Stati Uniti all’aeroporto, mentre completavano le ultime fasi del loro ritiro dall’Afghanistan. Anche se sono emerse notizie di vittime civili, il più alto generale degli Stati Uniti ha descritto l’attacco come “giusto”. Il capo del Comando Centrale degli Stati Uniti, il generale del Corpo dei Marines Frank McKenzie, ha detto che al momento era stato fiducioso di aver scongiurato una minaccia imminente per le forze all’aeroporto. “La nostra indagine ora conclude che l’attacco è stato un tragico errore“, ha detto McKenzie ai giornalisti. Ha detto che ora ritiene improbabile che le persone uccise fossero membri dell’affiliato locale dello Stato Islamico, ISIS-Khorasan, o rappresentassero una minaccia per le truppe statunitensi. Il Pentagono stava considerando un risarcimento, ha detto McKenzie.


Droni con tech iraniana potrebbero colpire Israele

Le critiche contro gli USa

L’uccisione di civili, in un attacco effettuato da un drone con base fuori dall’Afghanistan, ha sollevato domande sul futuro degli attacchi antiterrorismo degli Stati Uniti nel paese. E la conferma delle morti civili fornisce ulteriore carburante ai critici del caotico ritiro degli Stati Uniti e l’evacuazione degli alleati afgani. In una dichiarazione, il segretario alla Difesa Lloyd Austin ha detto che l’attacco del drone aveva ucciso un signor Ahmadi che lavorava per un’organizzazione non-profit chiamata Nutrition and Education International. “Ora sappiamo che non c’era alcuna connessione tra il signor Ahmadi e l’ISIS-Khorasan, che le sue attività in quel giorno erano completamente innocue e per nulla legate alla minaccia imminente che credevamo di affrontare“, ha detto Austin nella dichiarazione. “Ci scusiamo e cercheremo di imparare da questo orribile errore”.