Astrologia: nessuno ci crede ma tutti ne parlano

0
439

Dopo quasi vent’anni di studi astrologici, posso sicuramente permettermi di dire qualcosa su quella disciplina bistratta da sempre, ma da sempre seguita: nessuno ci crede ma tutti ne parlano! Ciò che fa strano è che chi ne parla spesso, per non dire sempre, è abbastanza ignorante in materia. Sono tranquillo sul termine utilizzato, poiché non credo di offendere nessuno. Chi dubita di essa pensando che l’Astrologia sia “leggere gli oroscopi” dei giornali, non è fuori strada, ma ben oltre.

Astrologia ed egopatia umana

Lo scettico e soprattutto colui che è spaventato dal fatto di non essere artefice della propria vita, si nasconde dietro al velo di una finta ignoranza. Si sa, l’egopatia umana è troppo forte per accettare una simile verità. Una straordinaria studiosa di Astrologia, Lisa Morpurgo, scrisse anni fa: “siamo destinati a fare ciò che faremo”. Cari amici, è proprio vero. L’illusione del libero arbitrio è una straordinaria tattica astrologica, per impedire agli esseri umani di oziare eternamente. A colui che dice: “visto che tutto è già scritto, allora smetto di fare qualunque cosa!” Si risponde: “perchè tu sai a cosa sei destinato? Conosci in anticipo tutto quello che ti accadrà?” Nessuno lo sa e l’unico modo per saperlo è vivere la propria vita. Siamo pedine dell’universo, ma questo non ci rende meno speciali.

La differenza tra costellazioni e segni zodiacali

Ormai lo sanno anche i sassi! Le costellazioni sono un gruppo di stelle apparentemente vicine, che formano una linea o una figura IMMAGINARIA! Il termine immaginaria in questo caso è accettato dalla scienza. I segni zodiacali NON sono le costellazioni, i segni zodiacali sono una rappresentazione simbolica degli attributi solari. I segni zodiacali vengono distribuiti sulla cintura celeste in base agli spostamenti solari. Gli spostamenti apparenti del Sole, sono stati suddivisi in 12 parti di 30° l’uno. Migliaia di studi hanno permesso di individuare differenze caratteriali e di condizionamenti ogni qual volta il sole attraversa le suddette parti “immaginarie”. In questo caso il termine “immaginarie” non è accettato dalla scienza. Bizzarro vero? Il nome dei segni zodiacali furono attribuiti per convenzione e comodità. Se il segno dell’ariete si chiamasse “pippo”, pippo soddisferebbe comunque le caratteristiche che oggi noi conosciamo come segno dell’Ariete. La cintura celeste cui gli astrologi e l’astrologia fanno riferimento rimane immutata nel tempo, poiché trattandosi di uno spazio tra la volta stellata e la terra, non subisce variazioni dovute alla precessione degli equinozi.

Il significato della Luna in Astrologia

Astrologia e futuro

L’astrologia non è un’arte divinatoria. Gli sciacalli ed i truffatori hanno “usato” questa straordinaria disciplina come mezzo per arricchirsi. Di conseguenza l’immaginario collettivo è stato manipolato oscurando il vero valore dell’astrologia. L’astrologia è uno straordinario strumento di conoscenza, che studia l’interazione tra macrocosmo e microcosmo. Non ti dice se farai soldi, ma è possibile comprendere se esiste la tendenza ad accumulare denaro; non ti dice se ti sposerai, al massimo è possibile capire quali sono le tue inclinazioni e come vivi i rapporti. L’astrologia ci offre l’opportunità di conoscere le sfumature più nascoste della nostra psiche. L’astrologia ci insegna che noi vediamo il mondo con gli occhi dell’anima, se consoci la tua anima conosci il mondo esterno. I comportamenti e le scelte compiute, sono la manifestazione del nostro io interiore. Se impari a conoscere te stesso di conseguenza imparerai a comprendere le tue scelte e quelle che farai.

Astrologia: superstizione e…

Discussione alquanto sterile, perché viene da ridere se pensiamo che gli italiani sono il popolo più superstizioso e credulone del pianeta. Il 90% e forse più non conosce nemmeno il motivo per il quale il 17 dovrebbe portare sfortuna, così come non sa nemmeno perché non si dovrebbe passare sotto una scala, o attraversare una strada se poco prima vi era passato un gatto nero. Eppure la gente riesce a credere tutto in ogni caso. Di conseguenza, siccome l’astrologia per l’immaginario collettivo ha lo stesso valore di una chiacchierata da bar per fare colpo su una donna, di fatto anch’essa viene assorbita tra le tante baggianate superstiziose. Il vero problema è la non conoscenza, chi scrive o parla di astrologia e non ha ancora compreso la differenza tra segni zodiacali e costellazioni, allora è meglio che studi o che faccia dell’altro.

… culti religiosi e…

Tutte le religioni del mondo hanno una radice comune: adorazione degli dei impersonificate nelle stelle e pianeti, in special modo del Sole. Nonostante i nomi differenti a lui attribuiti, le caratteristiche sembrano essere identiche. Per cui le religioni non sono altro che il racconto dell’astrologia in chiave umana (microcosmo) e divina (macrocosmo), in modo tale da avvicinare l’essere umano con più facilità al concetto del tutto. Leonardo da Vinci con il suo “Cenacolo” insegna molto, ancor di più con l’uomo vitruviano: l’uomo disegnato dentro un “cerchio”. Per gli uomini (egopatici per natura) è più semplice credere in qualcuno di divino che assomigli in tutto e per tutto a lui, con le medesime fattezze umane che poter immaginare di essere “connessi” a dei sassi giganti. Gesù è esistito, ciò che è sbagliato sono state le menzogne e distorsioni costruite sulle debolezze della gente ed attorno alla figura di Gesù stesso.

… accenni storici

Sapete perché la nascita di Gesù, come quella di Mitra, Horus, Krishna, avviene il 25 dicembre? L’origine è del tutto astrologica/astronomica. La notte tra il 21 e 22 dicembre è giorno di solstizio (Sol Stat = Sole fermo). La notte è la più lunga dell’anno e per circa tre giorni il sole sorge sempre nello stesso punto! La nostra stella rimane “ferma” nei paraggi della costellazione di Crux (croce) per poi riprendere apparentemente a muoversi esattamente il 25 dicembre, quando la luce inizia ad aumentare. Il Sole sorge e riscalda, porta la vita, è il Creatore, è Dio. In Siria e in Egitto il 25 Dicembre, annunciano la nascita del sole, raffigurato come un bambino. La stella d’oriente, Sirio, il 24 dicembre di ogni anno si allinea con le tre stelle più luminose della cintura di Orione. La linea retta tracciata idealmente da queste 4 stelle, indicano il punto in cui il Sole sorgerà il 25 Dicembre. Questo brevissimo accenno storico vuole solo mettere in luce come l’osservazione del cielo e la posizione degli astri, fosse una pratica tutt’altro che superstiziosa, constatando che gli eventi del cielo avevano ripercussioni anche sulla terra.

Astrologia e gli eventi

Tema scottante e purtroppo di difficile risoluzione. Non ho intenzione di ingaggiare una lotta col CICAP o con i detrattori della materia. Torno a ripetere che l’astrologia non nasce per predire il futuro, ma una cosa è certa: tutti gli eventi possono essere spiegati astrologicamente. Il covid-19 ha coinvolto indistintamente soggetti di ogni segno zodiacale, i passaggi planetari disarmonici avvenuti nel Capricorno nel 2020, segno che rappresenta l’indipendenza e l’autonomia, hanno privato la libertà dell’individuo a livello planetario. Vi era la congiunzione Saturno-Plutone (privazione di poteri). Si poteva prevedere? Decisamente si. Il problema di oggi è la mancanza di grandi astrologi come fu Andrè Barbault, morto qualche anno fa, che aveva previsto tutto 30/40 anni prima. Ma alla gente questo non interessa, preferisce crogiolarsi nella propria vanità ed egopatia, aspettando che qualcuno gli dica che il segno della Vergine quest’anno sarà fortunato e viaggerà tantissimo.


Lo stellium in un tema natale


Se domani mattina Plutone si sbriciolasse o Giove diventasse all’improvviso grande la metà della sua forma attuale, noi moriremmo. Per cui non raccontiamoci bugie sul fatto che siamo irrimediabilmente legati con il nostro sistema solare, siamo parte del tutto. L’astrologia si occupa di descrivere dinamiche e tendenze, non studia il perché funziona. Questo aspetto lo lasciamo volentieri agli scienziati, per noi basta che funzioni. Poi sul tema delle “distanze planetarie” gli stessi scienziati ammettono l’esistenza di una trascurabile influenza, ritenendo però le stesse non abbastanza forti da influire su di noi. Hanno dimostrato questo? Non mi pare, quello che è però dimostrabile è che le persone che nascono con Marte-Saturno congiunti in prima casa, ahimè andranno incontro a grossi problemi di salute. Ma è solo superstizione, non ci credete…