AstraZeneca sospende la sperimentazione sul vaccino

L'azienda farmaceutica AstraZeneca ha deciso di sospendere la sperimentazione del vaccino dopo una reazione inspiegabile che ha sviluppato un volontario in Gran Bretagna

0
153
AstraZeneca

La casa farmaceutica AstraZeneca ha dichiarato di aver sospeso la sperimentazione del suo vaccino contro il Covid-19 a causa di una reazione inspiegabile sviluppatasi in uno dei volontari in Gran Bretagna. L’azienda afferma che si tratta di un’azione di routine che serve per assicurare l’integrità dei processi dei test.

AstraZeneca sospende sperimentazione

L’azienda farmaceutica che collabora con l’università di Oxford per testare il vaccino anti-covid, AstraZeneca, ha dichiarato di aver sospeso le sperimentazioni di tale vaccino. Ciò si dovrebbe a una reazione inspiegabile da parte di un volontario in Gran Bretagna.

L’azienda ha spiegato che tale mossa è una precauzione standard negli studi sui vaccini. Tale precauzione ha lo scopo di garantire che i vaccini sperimentali non causino reazioni gravi ai partecipanti dei test. Inoltre, serve per assicurare l’integrità di questi test.

La società ha dichiarato: “Come parte degli studi globali randomizzati e controllati in corso sul vaccino contro il covid di Oxford, il nostro processo di revisione standard ha innescato una pausa per la vaccinazione per consentire la revisione della sicurezza dei dati”. Ha anche aggiunto: “Questa è un’azione di routine che deve avvenire ogni volta che si presenta una reazione inspiegabile durante un test. Questo assicura di mantenere l’integrità dell prove”.

La società si sta impegnando a contrastare le affermazioni false di Trump

AstraZeneca è una delle otto società che hanno firmato l’impegno che non avrebbero ceduto ad ogni pressione del governo americano nel distribuire un vaccino non sicuro. Aveva infatti detto: “Riteniamo che questo impegno contribuirà a garantire la fiducia del pubblico nel rigoroso processo scientifico e normativo mediante il quale i vaccini anti-covid vengono valutati e possono essere infine approvati“.

Questo impegno da parte delle aziende è arrivato dopo che Trump ha continuato ad affermare che uno dei vaccini ci sarà a fine ottobre. Tutti gli scienziati sono corsi subito ai ripari, dicendo che è difficile che ciò accada.

Il virologo Anthony Fauci ha detto che è vero che le prime fasi di sperimentazione stanno dando risultati positivi. Tuttavia è improbabile che il vaccino so possa distribuire prima di dicembre.

Inoltre, la FDA ha promesso di non cedere alle pressioni del Presidente USA del fornire un vaccino poco sicuro, che in tal caso non autorizzerà.


Leggi anche: “Come possiamo fidarci del vaccino russo senza dati di prova?”, i dubbi degli scienziati

Commenti