Assegno unico per i figli in arrivo dal 1° luglio

0
517

L’assegno unico per i figli è in arrivo dal 1° luglio 2021. Confermato nella legge di bilancio, allo stato attuale non  sono ancora definiti i requisiti e gli importi, in attesa dei decreti attuativi che dovranno regolare la nuova misura.

L’assegno unico per i figli a carico qual’è sarà l’importo?

Nonostante la crisi del Governo in corso, la misura a sostegno delle famiglia rimarrà. Secondo indiscrezioni l’importo dell’assegno unico arriverebbe ad un massimo di 250 euro. E’ prevista una quota fissa e una variabile, secondo la composizione familiare e dall’importo economico indicato nel proprio Isee di famiglia La misura andrà anche ai lavoratori autonomi ed incapienti.


Conte: stanziati 7,5 miliardi a sostegno delle famiglie e delle imprese per affrontare l’emergenza…


Ecco i requisiti richiesti

Innanzitutto l’assegno unico 2021 è previsto per ciascun figlio a carico, fino a 21 anni. Consiste in una somma fissa ed una variabile, con delle maggiorazioni se presente un figlio disabile. E’ previsto anche per la madre in stato di gravidanza dal settimo mese. Allo stato attuale, i requisiti principali sono l’età dei figli da 18 anni a 21. Probabilmente fino a 25 anni, purché iscritti all’università oppure ad un corso professionale. L’assegno sarà di un importo da 50-100 euro, la quota è variabile legata all’Isee, fino ad arrivare a 250 euro al mese. Per il terzo figlio e disabili sono previsti degli incrementi, forse anche per i nuclei monogenitoriali. Una misura già in vigore in Germania, le famiglie che potranno beneficare dell’assegno unico saranno molte, riguarderebbero 12,5 milioni di bambini e ragazze di cui 10 milioni sono minori. Con questa misura dal mese di luglio, ci saranno tante famiglie, che fino ad oggi sono escluse dai diversi sostegni. Dopo le dimissioni della Ministra alla famiglia Elena Bonetti, i decreti attuativi arriveranno presto, la misura rimane confermata. Solo dopo si potrà con certezza calcolare l’importo esatto dell’assegno per il figlio a carico, tenendo conto del proprio Isee.