Art Raiders: arriva la nuova serie sui furti archeologici

0
325
art raiders

Art Raiders. Caccia ai tombaroli. Così si chiama la nuova serie che andrà in onda su Sky Arte da martedì 19 ottobre 2021 alle 21.15.

Di cosa tratta Art Raiders

Il nuova programma racconta alcuni tra i principali furti avvenuti nella storia dell’arte. Sarà dedicato spazio all’azione dei Carabinieri per la Tutela del Patrimonio Culturale, il TPC, primo nucleo investigativo al mondo in questo settore. Art Raiders è un progetto realizzato sotto la direzione di Simona Risi, scritto da Donato Dellavalle e Cecilia Ferrara, mentre Rodrigo d’Erasmo ha composto la colonna sonora. La serie sarà in programma per 4 settimane, ma anche disponibile on demand e in streaming su NOW. Si snoderanno quattro episodi di furti che hanno investito dei bei archeologici: il Cratere di Eufronio, la Dea di Morgantina, la Triade Capitolina e il Vaso di Assteas.

La prima puntata sul cratere Eufronio

Nel novembre del 1972 il Metropolitan Museum of Arts di New York (MET) annuncia di aver acquisito un vaso di grandi dimensioni (detto “cratere”) a figure rosse. L’opera, in ottimo stato di conservazione, risale al V secolo a.C. Il reperto è stato eseguito da uno degli artisti più famosi del tempo, il ceramista Eufronio. L’episodio fa subito il giro del mondo, ma crea sospetto tra gli addetti ai lavori. Infatti non si capacitano di come possa un pezzo di tale importanza venire alla luce solo alla fine di un’operazione rimasta fino a quel momento sotto silenzio. In effetti sembra che il MET, pur di averlo a tutti i costi, abbia pagato un milione di dollari, la cifra più alta sborsata fino ad allora per un reperto archeologico. Grazie a un’inchiesta del New York Times, emergono tutti i passaggi di consegna del reperto archeologico, tra Roma, Ginevra e Parigi. Alla fine di un’indagine durata trent’anni ecco il verdetto: Il cratere Eufronio è arrivato all’acquirente illegalmente. Il MET non ammetterà mai il fatto. Soltanto nel 2008 il grande vaso torna a casa, in Italia, al Museo di Cerveteri.