Arrestato pericoloso latitante dalla Polizia Stradale di Sala Consilina

0
201
Arrestato pericoloso latitante

Arrestato pericoloso latitante dalla Polizia Stradale di Sala Consilina che da circa due anni era riuscito a far perdere le proprie tracce rifugiandosi anche all’estero.

Gli Agenti della Sottosezione Polizia Stradale di Sala Consilina (SA) hanno arrestato pericoloso latitante, che da circa due anni era riuscito a far perdere le proprie tracce rifugiandosi anche all’estero.

Durante un controllo effettuato dalla pattuglia della Polizia Stradale di Sala Consilina, il predetto è stato fermato, a bordo della propria autovettura, mentre viaggiava lungo l’A/2 Autostrada del Mediterraneo per far rientro presso l’abitazione familiare, per una breve visita. L’uomo, un cittadino romeno di 33 anni, da parecchi anni in Italia, con diversi reati contro la persona e il patrimonio, si era anche reso responsabile di un grave incidente stradale con feriti provocato dal suo stato di alterazione alcolica, avvenuto nel 2014, a cui non aveva prestato soccorso.

Operazione “Delizia”: sgominata associazione per delinquere a Salerno. Arrestate 56 persone

Tragedia sulla A2 Salerno Reggio Calabria: auto travolge operaio

Operazione “Delizia”: sgominata associazione per delinquere a Salerno. Arrestate 56 persone

In particolare, nel percorrere l’arteria autostradale nel tratto compreso tra Polla ed Atena Lucana, L.M.C. è stato individuato alla guida della propria autovettura di grossa cilindrata, che procedeva a forte velocità, da una pattuglia della predetta Sottosezione che, prontamente, si è posta all’inseguimento dell’auto. In un primo momento, il clandestino ha tentato la fuga aumentando la velocità, facendo perdere le proprie tracce, ma il tempestivo intervento di un’altra unità operativa ha consentito il fermo del veicolo e l’identificazione dello stesso.

Le successive verifiche del caso hanno accertato che a carico della persona pendeva un ordine di esecuzione per la carcerazione di anni 1, mesi 4 e giorni 4, emesso dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Lagonegro, che, nella circostanza, gli è stato notificato.

Lo straniero, dopo le formalità di rito, è stato associato presso la Casa Circondariale di Potenza per essere posto a disposizione dell’A.G. competente.