Armi israeliane ultramoderne all’Azerbaijan contro il popolo armeno

"Israele contribuisce al genocidio del popolo Armeno vendendo armi sofisticate all'Azerbaijan"

0
498
Armi israeliane ultramoderne all'Azerbaijan

L’ennesima fornitura di armi israeliane ultramoderne all’Azerbaijan viene conddannata dal Ministero degli Esteri armeno. Anna Naghdalyan, la portavoce ha definito “inaccettabili” le scelte e le tempistiche israeliane. Dove ha condannato Il 1° ottobre, l’Armenia ha richiamato il suo ambasciatore in Israele per consultazioni sulle vendite di armi israeliane al suo nemico. Hikmet Hajiyev ha detto che i militari del suo paese hanno usato droni d’attacco israeliani nei recenti combattimenti. Elogiando la loro efficacia, ha detto: “Tanto di cappello agli ingegneri che le hanno progettato“. Aggiunge che l’Azerbaijan “apprezza molto la cooperazione con Israele, specialmente la cooperazione in materia di difesa“. Prove schiaccianti che danno ragione al leader Armeno sulle sue dichiarazioni di qualche giorno fa. Arayik Harutyunyan ha detto che: “Israele contribuisce al genocidio del popolo Armeno vendendo armi sofisticate all’Azerbaijan“.

Prove che armi israeliane ultramoderne vendute all’Azerbaijan sono utilizzate contro il popolo armeno?

Il filmato del drone rilasciato dall’Azerbaigian di un attacco su una posizione di artiglieria del Nagorno-Karabakh sembrava mostrare un drone israeliano. Un altro rapporto del 30 settembre, che non è confermato, affermava che due misteriosi voli cargo da Israele erano atterrati a Baku. I rapporti del 2 ottobre contenevano un video di un missile LORA israeliano che avrebbe colpito un ponte in Armenia.

Israele non ha negato l’accusa

Il Ministero degli Esteri israeliano si è preso il suo tempo per rispondere. E quando lo ha fatto, la reazione è stata lieve. Il ministero non ha negato l’accusa armena. “Israele attribuisce importanza alle nostre relazioni con l’Armenia. L’ambasciata armena in Israele come un importante strumento per promuovere il beneficio di entrambi i popoli“, ha dichiarato il portavoce del ministero. Israele evita di provocare ulteriormente l’Armenia, ma chiaramente il danno è fatto. La reazione di Israele evidentemente ha fatto poco per convincere Yerevan. Il 2 ottobre, il Ministero degli Esteri armeno ha twittato che una “radio trasmittente di fabbricazione israeliana è trovata a un ufficiale azerbaigiano ucciso” che riceveva ordini militari in arabo.

I rapporti tra Israele e Azerbaijan

Israele e l’Azerbaigian hanno stabilito relazioni diplomatiche nell’aprile 1992. Un anno dopo, Israele ha aperto un’ambasciata a Baku. Il defunto presidente Shimon Peres ha servito come ministro degli Esteri all’epoca. Nel corso degli anni ha investito grandi sforzi nell’approfondimento delle relazioni bilaterali, compresa una visita ufficiale come presidente nel 2009. Gli ebrei di origine azera sono stati molto attivi negli ultimi tre decenni nel coltivare i legami e nello sviluppare joint venture commerciale.

Portata colossale di vendita di armi israeliane ultramoderne all’Azerbaijan

Secondo i rapporti, la portata dei legami commerciali – soprattutto di armi – tra Israele e l’Azerbaigian è colossale. Secondo lo Stockholm International Peace Research Institute, nel 2016 le esportazioni di armi da Israele verso l’Azerbaigian hanno raggiunto i 250 milioni di dollari nel 2016 e i 136 milioni di dollari nel 2017. Dal 2015 al 2019, “un totale del 60% delle importazioni di armi israeliane ultramoderne all’Azerbaijan“. Un’altra sfera di legami commerciali è l’energia, con l’Azerbaigian che esporta in Israele fino al 40% del suo consumo locale di benzina. La benzina azera raggiunge la Turchia tramite oleodotti e da lì spedita in Israele su barche. La compagnia petrolifera statale azera SOCAR è interessata ad acquistare azioni della raffineria israeliana di Ashdod.

Alleanza strategica contro l’Iran

L’establishment della difesa israeliana è impegnato con il Paese musulmano moderato vicino all’Iran come partner prezioso e persino indispensabile. L’importanza strategica dell’Azerbaigian potrebbe spiegare la blanda reazione di Israele alle accuse armene. L’etnia azera in Iran si è fatta sentire con proteste contro l’Armenia appoggiando l’Azerbaijan. Tuttavia, Gerusalemme è attenta a non essere pubblicamente associata al campo azero-turco. Gerusalemme non considera certamente il presidente turco Recep Tayyip Erdogan un amico, e Israele mantiene buone relazioni diplomatiche con l’Armenia. Anche il sostegno russo degli armeni complica le cose.

Tentativo di ristabilire il dialogo tra i due Paesi

La Francia si è schierata dalla parte armena, con il presidente francese Emmanuel Macron. Il quale ha affermato il 2 ottobre che centinaia di combattenti jihadisti siriani di Aleppo sono passati dalla città turca di Gaziantep. Dove poi sono partiti in viaggio per l’Azerbaigian. Probabilmente non è il tipo di notizia a cui Israele vuole essere associato. Il presidente armeno Armen Sarkissian e il presidente israeliano Reuven Rivlin si sono telefonati nel tentativo di ristabilire il dialogo tra i due Paesi. Rivlin ha spiegato che Israele ha un rapporto di lunga data con l’Azerbaigian, questi rapporti e la cooperazione non sono diretti contro nessuna parte.

I rapporti e la cooperazione con l’Azerbaijan non sono diretti contro nessuna parte.

Questo significa che Israele continuerà a vendere armi all’Azerbaigian mentre continua il conflitto con l’Armenia? È difficile dirlo. In ogni caso, gli armeni in Israele e altrove sono profondamente delusi. Erevan ha inaugurato ufficialmente la sua ambasciata a Tel Aviv solo due settimane fa, sperando certamente in un diverso tipo di relazioni bilaterali. La comunità armena di Haifa ha organizzando una manifestazione contro quello che considera il silenzio di Israele.


Diplomazia fallimentare UE riguardo il conflitto del Nagorno Karabakh


Commenti