Arkania Shenron al Parco neogotico di Ameno

0
469
Arkania Shenron
Una delle opere in mostra

“Come pesci nell’acqua” è il titolo della mostra in programma a Villa Nigra a Miasino. Oltre all’esposizione nella vicina Ameno sarà presentata l’installazione di Luca Pozzi Arkania Shenron. Eventi collegati che sono in programma dal 5 giugno al 18 luglio in provincia di Novara.


Week-end a Orta San Giulio


Cos’è Arkania Shenron?

Un progetto che unisce animismo e tecnologia. L’installazione è in bronzo e ha un rilevatore di particelle che si attiva quando si muovono i muoni. L’artista ha preso spunto da Shenron di Dragon Ball per poi inserire riferimenti agli studi su fisica teorica, cosmologia e fisica sperimentale. La particolarità dell’opera è di essere collegato a un profilo Twitter, in cui compaiono messaggi divinatori. La creazione è collocata nel tempietto del Parco Neogotico di Ameno.

La mostra “Come pesci nell’acqua”

Partecipano all’esposizione esponenti delle ultime tendenze artistiche che hanno fatto dell’adattabilità delle opere un tratto distintivo. Adottano un linguaggio malleabile, sempre multiforme e variegato, e si adeguano agli spazi espositivi. La mostra è visitabile nelle stanze al piano nobile di Villa Nigra a Miasino e nelle sale del Museo Tornielli. Giorgio Verzotti, critico d’arte e docente all’Università Cattolica di Milano ha curato l’allestimento. Invece, promuovere e organizzare l’evento Asilo Bianco, associazione per l’arte contemporanea.

Il tema dell’acqua

L’acqua è un’indovinata metafora che bene si adatta a descrivere i lavori artistici presentati. Le opere si configurano in base allo spazio, come il liquido prende la forma dai suoi contenitori. Allo stesso modo della sostanza, le opere sono difficilmente assegnabili a schemi e categorie precise. Sono sculture ma anche fotografie, installazioni sonore, disegni, luci al neon, video, oggetti comuni, ceramiche. Per gli artisti il soggetto è una realtà, portata in mostra in quanto tale, o allusa nelle configurazioni plastiche inventate dagli autori. Fra le loro opere alcune sono state realizzate appositamente per l’occasione e recano aspetti “site specific”, inerenti al lago d’Orta e alla sua storia. Espongono quindi: Francesco Arena, Stefano Arienti, Gianni Caravaggio, Alice Cattaneo, Massimo De Caria. Poi Carlo Dell’Acqua, Elisabetta Di Maggio, Sergio Limonta, Gianluigi Maria Masucci, Yari Miele. Infine, Filippo Manzini, Luca Pozzi, Luca Trevisani, Fabio Roncato, Shigeru Saito.

L’inaugurazione e la presentazione di Arkania Shenron il 5 giugno

In occasione dell’apertura della mostra ci sarà una visita guidata alla mostra con il curatore Giorgio Verzotti e alcuni degli artisti. Appuntamento alle 14.30 al Museo Tornielli di Ameno e a Villa Nigra a Miasino alle 17. Sarà possibile raggiungere il secondo spazio espositivo con una semplice passeggiata immersi nel verde in compagnia di una guida naturalistica. La mostra è a ingresso gratuito e sarà visitabile, nelle due sedi, da giovedì a domenica dalle 15 alle 18.30. “Come pesci nell’acqua” nasce nell’ambito del progetto finanziato da Fondazione Cariplo “Villa Nigra. Cultura e impresa per lo sviluppo di un territorio liquido”. Fondi sono pervenuti anche dalla cooperazione Italia-Svizzera “Di-Se – DiSegnare il territorio”.

Immagine da cartella stampa.