Argentina: stop alla stampa di denaro per combattere l’inflazione

0
258
Argentina:

Argentina: il nuovo ministro dell’Economia, Sergio Massa si è impegnato a portare ordine fiscale nel Paese devastato dalla crisi. Pertanto ha annunciato una serie di misure. Tra cui la promessa di porre fine alla stampa di denaro per finanziare il bilancio. E a rispettare l’impegno del Paese con il FMI di ridurre quest’anno il suo deficit pubblico al 2,5%.

Argentina: quali misure per combattere l’inflazione?

Sergio Massa, 50 anni, è il terzo ministro argentino dell’Economia in un mese. Presentando la sua roadmap, nel suo primo discorso il super-ministro ha annunciato una serie di misure profonde. Che cambierebbero il corso di un’economia che soffre di un’inflazione galoppante. Ora supera il 60%, e dovrebbe raggiungere il 90% entro la fine di quest’anno. Nonchè di una carenza di riserve di valuta estera della Banca centrale e di un forte deprezzamento del pesos argentino. Ha espresso la determinazione a mantenere l’obiettivo del disavanzo del governo al 2,5% del prodotto interno lordo. Che faceva parte dell’impegno preso dal Paese con il Fondo monetario internazionale. Per ristrutturare i 44 miliardi di dollari di debito argentino. Inoltre le misure saranno concentrate per ridurre l’ampio disavanzo del Paese e raggiungere gli obiettivi di bilancio. Finanziandolo tuttavia, con prestiti del settore privato – insieme alla costruzione di riserve in dollari e ” rielaborazione” dei sussidi statali.

Leggi anche – Grave crisi economica in Argentina

Politiche fiscali ed economiche

L’economia del Paese sudamericano soffre di una crisi debilitante di spesa debito e inflazionistica. Che ha alimentato rabbiose proteste di piazza. Circa il 37% della sua popolazione, ora, vive in povertà. Massa dunque, eredita l’enorme sfida di salvare un’economia devastata dall’inflazione galoppante. Dalle riserve in diminuzione e da un mucchio sempre crescente di debito interno. Tagliato fuori dai mercati internazionali dei capitali, il governo di Fernandez ha sempre fatto affidamento sulla stampa di denaro per coprire il suo deficit fiscale cronico. Ed ora il nuovo ministro deve affrontare l’ampio disavanzo fiscale del paese sudamericano, esacerbato da anni di spesa eccessiva. Massa ha intenzione di concedere vantaggi speciali ai settori dell’agricoltura, della pesca e dell’estrazione mineraria. Nel tentativo di aumentare le esportazioni e quindi aumentare le riserve di valuta forte presso la Banca centrale. Che secondo gli analisti sono a livelli critici. Un problema che non sarà in grado di risolvere, tuttavia è la lotta intestina per il potere. In vista delle elezioni del prossimo anno. All’interno della coalizione politica al governo Frente de Todos tra Fernandez e la vicepresidente Cristina Kirchner, lei stessa ex presidente.