Aprilia: bentornata Tuareg, in formato 660

La casa di Noale ha presentato la nuova versione della leggendaria endurona, con il motore bicilindrico di derivazione RS

0
456
aprilia tuareg 660

Aprilia riporta in luce la mitica Tuareg, presentando sui suoi canali social la versione 660. Con questa uscita quasi inaspettata, la casa di Noale riprende una vecchia tradizione che ha le sue radici nei lontani anni ’80, quando apparve sul mercato la prima endurona. Con la Tuareg, il costruttore completa la sua gamma di moto con il nuovo bicilindrico 660, iniziata con la sportiva RS a cui si è aggiunta in seguito la naked Tuono.

Com’è fatta l’Aprilia Tuareg 660?

La Tuareg ha come cuore pulsante il bicilindrico frontemarcia da 660 cc, meccanicamente identico a quello di RS e Tuono. Cambia la configurazione di potenza, che scende a 80 CV con 70 Nm di coppia. La dotazione elettronica è completa: controllo di trazione e ABS disinseribile sono di serie. Il display TFT da 5 pollici da numerose informazioni, e permette di selezionare le voci del menu per i riding mode, accessorio irrinunciabile in una moto moderna. Le modalità selezionabili sono quattro. La capacità del serbatoio è di 18 litri, sufficiente per percorrere un bel po’ di Km (considerate che il bicilindrico 660 consuma poco). Il peso a vuoto è di 170 Kg, che non è niente male per una maxi enduro. La Tuareg è perfetta per chi vuole sensazioni da Dakar…a piccole dosi!

Una ciclistica dedicata

Rispetto alla Tuono ed alla RS la Tuareg 660 adotta soluzioni di ciclistica specifiche. Il telaio ad esempio è un traliccio tubolare, ben distante dal doppia trave “alla GP” che adottano le due stradali. In questo l’Aprilia riprende dalle KTM Adventure, anch’esse dotate di traliccio. Le sospensioni hanno escursioni da vera moto da rally, con una corsa di ben 240 mm. La forcella ed il monoammortizzatore sono completamente regolabili, il forcellone è in alluminio come il telaio. Due parole sull’estetica, che altra non è che la reinterpretazione in chiave contemporanea delle Tuareg storiche. Il faro a led centrale è squadrato, richiamando il modello degli anni 80. Aprilia non ha ancora comunicato la data d’ingresso sul mercato della Tuareg 660, e nemmeno i prezzi di listino. La Yamaha Tenerè 700 è avvisata.


Yamaha presenta la nuova gamma Off Road 2022