Antico tempio scoperto in Perù: era dedicato al culto di acqua e fertilità

0
372
Perù: trovato tempio di 3000 anni fa.

Arriva dal Perù un nuovo e importante ritrovamento archeologico che potrebbe fornire delle risposte a dir poco interessanti sui culti religiosi delle civiltà di un lontano passato che popolavano l’area su cui sorge oggi il Paese sudamericano. Gli studiosi sono riusciti a riportare alla luce un antico tempio millenario risalente a circa 3000 anni or sono, e con molta probabilità edificato per officiare il culto dell’acqua e della fertilità. La ricerca è stata effettuata dagli specialisti del Museo Tumbas Reales de Sipán.

La zona in cui è avvenuta la scoperta è quella della Valle di Zaña, già nota perché lì vi sorge il sito archeologico di Huaca el Toro, sul territorio dell’attuale città di Oyotún dove, nell’antichità, vennero realizzati dai primi abitanti del posto i canali di scolo e di deviazione dell’acqua del Sudamerica. E proprio in corrispondenza del fiume Zaña venne costruito il luogo di culto ritrovato di recente, giacché l’acqua era un bene così prezioso e importante da essere venerata come fosse una divinità.

Huaca el Toro: sito archeologico peruviano.

Edgar Bracamonte, che ha fatto parte del team di archeologi che ha scavato l’antica struttura, ha spiegato che in quell’epoca l’acqua veniva considerata come «elemento più importante per la vita» che, al contempo, era di difficile accessibilità per tutti. Stando alla prima datazione dei resti dell’edificio di culto in Perù, pare che attorno ad esso siano stati costruiti i primi sistemi idraulici del continente sudamericano.

Antico tempio in Perù: al suo interno anche delle tombe

La presenza delle opere idrauliche sarebbe confermata da una serie di pozzi e da alcune deviazioni per la raccolta dell’acqua e della pioggia che circondano l’edificio centrale del tempio peruviano. L’intero insediamento venne costruito con delle enormi pietre che non solo furono scolpite a mano, ma vennero anche trasportate ad una ad una da una montagna che ancora oggi si trova a circa tre chilometri di distanza dalla Valle di Zaña. Gli studiosi ritengono che il luogo di culto sia stato abbandonato probabilmente 3000 anni fa, per poi essere riutilizzato come struttura adatta alle sepolture dal popolo Chumy intorno al Trecento.

Scoperta eccezionale a Pompei: trovato un terzo cavallo con bardatura militare

Infatti, non a caso sono state scoperte anche 21 tombe, delle quali soltanto una risale all’epoca antica. Quest’ultima ospitava i resti di un uomo adulto che era stato sepolto insieme ad una piccola bottiglia in ceramica. Dai rilievi iniziali effettuati dai ricercatori, pare che l’antico tempio del Perù sia stato completato in tre fasi.

Trovate anche 21 tombe nell’antico tempio peruviano.

La prima sarebbe compresa tra il 1500 e l’800 avanti Cristo quando sarebbero state issate le mura in argilla. La seconda andrebbe dall’800 al 400 avanti Cristo, ovvero nel periodo storico caratterizzato dalla civiltà pre-Inca Chavin, mentre la terza fase arriverebbe fino al 100 avanti Cristo quando la struttura venne ulteriormente arricchita da colonne circolari che avevano principalmente la funzione di sorreggere il tetto. A questo punto, ulteriori esami e studi verranno portati avanti in laboratorio con l’obiettivo di fare chiarezza sui riti che si celebravano nel luogo di culto e sulle modalità di gestione, giacché si tratta del primo ritrovamento di questo genere.

Commenti