domenica, Luglio 21, 2024

Anteprima F1: Scuderia AlphaTauri 2023

La “seconda” scuderia Red Bull, la Scuderia AlphaTauri, si è classificata solo al nono posto nel campionato costruttori dello scorso anno, ma questo non significa necessariamente che sia stato un anno negativo per la squadra. Ha accumulato 35 punti, solo due in meno della Haas, e Pierre Gasly ha fatto abbastanza per guadagnarsi una convocazione da parte di Alpine. Si lascia alle spalle una squadra che non ha un pilota di punta esperto, Yuki Tsunoda non rientra ancora in questa categoria, ma la squadra non è stata nemmeno abbandonata a se stessa.

I piloti di AlphaTauri 2023

Nyck de Vries diventerà un pilota di Formula 1 a tempo pieno quest’anno, alla veneranda età di 28 anni. L’olandese è già ben accreditato, con un campionato mondiale di Formula E a suo nome e una buona esperienza in F1 grazie al periodo trascorso in Mercedes. È molto quotato e ci si aspetta molto da lui, anche se di solito è così per tutti i piloti Red Bull, a prescindere dal fatto che corrano per l’operazione senior o junior. Anche la pressione su Tsunoda è aumentata, perché possa finalmente esprimere il suo potenziale. Alla sua terza stagione, il pilota giapponese è rapido ma anche un po’ fragile. Ha lavorato per risolvere alcuni dei problemi di impegno che ha avuto nella sua stagione da rookie, ma è rimasto comunque oscurato da Gasly per tutto il 2022. Il boss della Scuderia AlphaTauri, Franz Tost, ha dichiarato che un pilota ha bisogno di tre anni per dimostrare il proprio valore in F1, rendendo la prossima campagna una sorta di “make or break” per il 22enne, perché ci sono altri in attesa dietro le quinte. Liam Lawson è pronto a passare alla Formula 1 e quest’anno si cimenterà in Giappone nella Super Formula, proprio come Gasly nel 2017. A suo favore c’è una serie di regolamenti relativamente stabili, con modifiche apportate solo per affrontare in modo più permanente il problema del porpoising attraverso l’innalzamento dei bordi del pavimento e della gola del diffusore.

Anche dietro le quinte la squadra è stabile, senza cambiamenti significativi nel personale

Di conseguenza, esiste una forte conoscenza istituzionale della vettura 2022 del team che può essere applicata alla macchina di quest’anno. Certo, si potrebbe sostenere che l’assenza di volti nuovi significa assenza di nuove idee, ma la Scuderia AlphaTauri non si occupa di grandi passi avanti dal punto di vista tecnico. La sua ragione d’essere fondamentale è lo sviluppo dei piloti, per preparare i prossimi Sebastian Vettel o Max Verstappen prima di mandarli a Milton Keynes e al team Red Bull. La stabilità dietro le quinte è positiva, offre una base solida e conosciuta per la maggior parte e un buon mezzo di confronto e valutazione. Il fatto che non si corra né in testa né in coda è perfetto: è un ambiente a bassa pressione, a patto che si ignori la presenza del dottor Helmut Marko. Quindi il nono posto dello scorso anno è stato un risultato accettabile, non ideale perché ci sono implicazioni finanziarie nel finire in fondo alla classifica, ma la Red Bull non è certo un’organizzazione a corto di soldi. Né la Scuderia AlphaTauri è una squadra in una situazione disperata. Ha due piloti entusiasmanti che si trovano in punti diversi del loro percorso in F1 e una vettura che offre loro l’opportunità di brillare a volte in un ambiente altrimenti poco stressante. È quindi improbabile che venga fatto un grande passo avanti, anche se un’attività di cecchinaggio più regolare sarebbe l’ideale per la casa di Faenza. Ma con gli investimenti di altre squadre e il modo in cui si è sviluppato il mercato dei piloti, è difficile immaginare che la Scuderia AlphaTauri possa migliorare il nono posto nel 2023.

Posizione nel campionato 2022: 9°, 35 punti

Previsione di Speedcafe.com per il campionato 2023: 9° posto

Sowmya Sofia Riccaboni
Sowmya Sofia Riccaboni
Blogger, giornalista scalza (senza tesserino), mamma di 3 figli. Guarda il mondo con i cinque sensi, trascura spesso la forma per dare sensazioni di realtà e di poter toccare le parole. Direttrice Editoriale dal 2009. Laureata in Scienze della Formazione.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -spot_img

Latest Articles