Il 16 e il 17 agosto 2019 si svolgerà l’VIII edizione di “Bacchanalia, 2200 anni dopo” nel paese dei due mari – Tiriolo, provincia di Catanzaro – un evento culturale, musicale e gastronomico in onore di Baccodio del vino, della vendemmia, del piacere e del divertimento – organizzato dalla Pro Loco Tiriolo Terra dei Feaci.

Leggi anche: La Calabria da scoprire, Tiriolo, terra tra i due mari

Il Corteo di Bacco e Arianna

Proprio a Tiriolo infatti è stata ritrovata la Tavola del Senatus Consultum de Bacchanalibus, ovvero un decreto del Senato romano con il quale venivano banditi i riti in onore del dio Bacco, in tutta Italia. Da questo ritrovamento importantissimo nasce l’idea di Bacchanalia. Attraverso il Corteo itinerante, che si svolgerà sabato 17 agosto all’interno dell’evento – curato dall’Associazione culturale Teura – si potrà rivivere la storia del passato. Tantissimi figuranti prendono parte ogni anno a questo momento di danza e storia che si intrecciano: Bacco e Arianna aprono il Corteo e, a seguire, i soldati romani, i baccanti e tutti gli altri partecipanti. Il Corteo, ricreando l’atmosfera dell’antica Roma, attraversa il paese fino ad arrivare nel Centro Storico dove viene proclamato il Senatus Consultum de Bacchanalibus.

Bacchanalia si è affermato negli anni, oltre che dal punto di vista culturale ed enogastronomico, anche dal punto di vista musicale, grazie soprattutto alla collaborazione dell’Associazione musicale e culturale Chiave di Sol che, da diversi anni, cura la direzione artistica dell’evento.

Sono stati annunciati proprio oggi i due artisti principali che caratterizzeranno l’VIII edizione di Bacchanalia.

Africa Unite & Architorti, System of a Sound

Il 16 agosto sul palco di Piazza Italia saliranno gli Africa Unite che proporranno il loro stile reggae accompagnati dagli Architorti, un quintetto d’archi di formazione classica – due violini, viola, violoncello e contrabbasso – che riescono a trasformare il reggae in una nuova forma musicale.

Dalla collaborazione nasce il disco “In tempo reale”, un esperimento riuscito che fa incontrare due mondi musicali opposti: <<Venivamo da un’esperienza in teatro con gli Architorti e una compagnia di danza moderna. Ecco, quegli spettacoli sono stati la scintilla, ci hanno convinto che si poteva fare un ulteriore passo>>.

Sparagna & Orchestra Popolare Italiana, Taranta d’amore

Il secondo artista ufficializzato di Bacchanalia è Ambrogio Sparagna, accompagnato dall’Orchestra Popolare Italiana, con lo spettacolo “Taranta d’amore”. Un concerto dedicato ai balli della tradizione popolare italiana: ghighe, saltarelli, ballarelle, pizziche, tammurriate e tarantelle.

Il maestro Sparagna, oltre ad essere un musicista affermato, è anche un etnomusicologo, virtuoso dell’organetto, che ha portato nei paesi europei ed extraeuropei la sua musica. Ha collaborato con diversi artisti di successo: Francesco De Gregori, Lucio Dalla, Giovanni Lindo Ferretti.

L’Orchestra popolare italiana che accompagna Sparagna è un ensemble di voci: organetti, percussioni e altri strumenti tradizionali che propongo un vasto repertorio che abbraccia diverse regioni d’Italia.

Il programma musicale di Bacchanalia prevede altri spettacoli che ancora non sono stati annunciati. Inoltre, come nelle edizioni precedenti, saranno presenti gli stand gastronomici che da Piazza Italia saliranno fino al Centro Storico: un percorso fatto di sapori, tradizioni, musica e cultura.

Nell’attesa di conoscere il programma dettagliato dell’VIII edizione di “Bacchanalia 2200 anni dopo”, tutti i baccanti potranno già prepararsi al grido “Bacco Bacco Bacco … Vino vino vino”.

Leggi anche: Diciannovesima edizione della “Sagra del Pollo alla Diavola”

Condividi e seguici nei social
error

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here