Andy Warhol: scoperte opere erotiche del 1950

9
247
andy warhol

Andy Warhol, pseudonimo di Andrew Warhol Jr., nacque a Pittsburgh il 6 agosto del 1928 (morto il 22 febbraio 1983), la sua personalità poliedrica lo ha portato ad essere un pittore, scultore, sceneggiatore, produttore cinematografico, regista, direttore della fotografia, montatore e attore; viene considerato una figura predominante del movimento della Pop Art.

andy warhol
andy warhol

L’opera con cui lo si individua è sicuramente il quadro di Marilyn Monroe, seguito dalle varie opere dei barattoli di zuppa. Ma non dimentichiamoci che l’artista statunitense ha ritratto anche personalità come: Mao Zedong, Che Guevara, Michael Jackson, Elvis Presley, Elizabeth Taylor, Brigitte Bardot, Marlon Brando, Liza Minnelli e tante altre. Da ricordare le regine regnanti Elisabetta II del Regno Unito, Margherita II di Danimarca, Beatrice dei Paesi Bassi, l’imperatrice consorte dell’Iran Farah Pahlavi, la principessa consorte di Monaco Grace Kelly, la regina madre dello Swaziland Ntfombi e la principessa di Galles Diana Spencer.

Recentemente sono state scoperte dozzine di opere non pubblicate di Andy Warhol. Disegni con temi, per l’epoca, troppo spinti e per questo mai esposti. Amore, Sesso, omosessualità e desiderio è ciò che trasudano queste opere.
Giovani uomini ritratti in momenti privati come in un intenso abbraccio o in un vero e proprio atto sessuale esplicito.

Le opere sono datate tutte intorno al 1950, nate prima deille sue opere più famose come le lattine di zuppa ed i ritratti delle stars. Warhol in quegli anni tentò di realizzare una mostra con tutte le sue opere, ma trovò soltanto reazioni omofobe dai proprietari delle gallerie.

In merito si è espresso Michael Dayton Hermann, direttore del the Andy Warhol Foundation for the Visual Arts, asserendo che quelle opere furono i precursori della sua ossessione che lo portarono a catturare persone e momenti con la polaroid. Quegli scatti mostrato una vulnerabilità emotiva che una macchina fotografica non ha.

Inoltre, in merito ai disegni, Hermann si è espresso così: “Quando hai il disegno di qualcuno, la mano dell’artista è qui. Non ci sono barriere fra l’artista ed il soggetto. E’ molto più personale ed intimo il modo di catturare le persone.
Inoltre Hermann sta per pubblicare un libro Andy Warhol: Early Drawings of Love, Sex and Desire, verrà pubblicato da Taschen questa estate.
Il contenuto sarà ricco di disegni molti dei quali non sono mai stati mostrati.

Inoltre 20 di questi disegni saranno esposti al Warhol retrospective at Tate Modern a Londra che aprirà a marzo.

9 COMMENTS

  1. mi piacerebbe molto poter andare a vedere la mostra, essendo grande amante della Pop Art. Ahimè non credo di poterci andare e quindi attenderò l’uscita del libro, anche se non è la stessa cosa

  2. Adoro le opere di Andy Warhol, ho visto più di una mostra sua, a Londra, a Milano e in provincia di La Spezia.
    Mi piacerebbe proprio vedere queste sue nuove e inedite opere!

  3. lui è un personaggio molto particolare che in qualche modo grazie alla mia parente è entrato anche nella nostra vita, non mia mia ma quella del mio compagno. Sono contenta che ogni tanto escano nuove opere sue perché era molto versatile e particolarissimo come artista e creativo

  4. Per l epoca troppo spinto è sempre nascosto? Che peccato, l arte è arte sempre, a prescindere dal periodo o da come si vive la sessualità

  5. È vero, i disegni sono più intimi, più personali.. sembrano parlare ancora di più di chi era l’artista, cosa sentiva, cosa provava. Per gli appassionati d’arte dev’essere una scoperta sensazionale, uno di quegli eventi che nella vita ti capitano tutto sommato poche volte; e per noi tutti, un lascito e anche un messaggio da interpretare. Per esempio riflettendo agli effetti dei pregiudizi e delle barriere che mettiamo tra noi e gli altri..

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here