Andrea Paone: Vi racconto il mio “40” – Intervista

Andrea Paone si racconta a Periodicodaily

0
413

E’ in rotazione radiofonica da qualche settimana “Me lo ha chiesto io” il nuovo singolo del cantautore Andrea Paone. Il nuovo brano è il secondo estratto da “40” il nuovo album contenente dodici tracce e con l’occasione abbiamo raggiunto l’artista per parlarci del suo lavoro discografico e dei prossimi progetti che lo riguardano.

Ciao Andrea, partiamo dal tuo nuovo singolo “Me lo ha chiesto io”, contenuto nel tuo album “40” uscito lo scorso 3 novembre. Com’è nato e che tappa rappresenta per il tuo percorso artistico? E‘ un singolo di facile ascolto ma che contiene qualcosa di profondo ovvero l’ascolto dell’io. Nasce in un momento di osservazione di me stesso, di verità.”

Ad anticipare il tuo disco è stato il brano “Sale” che volendo parla dello stesso argomento di “Me lo ha chiesto io” ovvero dei cambiamenti, ti spaventano in qualche modo i cambiamenti? Non solo non mi spaventano ma ritengo siano una grande opportunità. Cambiare non significa per forza buttare “il vecchio” ma magari semplicemente imparare a viverlo.”

Nel brano “Ci Penserò” una frase che mi ha molto colpito è stata “Dipingere sostanzialmente nuove strade”, quali sono le nuove strade che vuoi e ti auguro di dipingere, nel campo personale e professionale? Ci tengo a dipingere ottimismo e tendenza al vero volto della realtà. E’ un allenamento costante, un percorso appagante.”

Oltre ad essere un cantante, sei anche scrittore e da poco hai anche pubblicato il libro “La mia verità: esperienze di un uomo nato di recente” in quale delle due figure ti senti meglio a tuo agio? Sono un creativo; di canzoni ne scrivo molte, costantemente. Di libro ne ho scritto uno e quasi per caso…”

Tornando alla musica, che musica ascolta Andrea? Ci sono artisti da cui trai ispirazione o con cui ti piacerebbe collaborare? “Ho ascoltato ed ascolto di tutto dai Led Zeppelin ai Daft Punk. Credo che quando c’è autenticità nella musica, una vena artistica, possiamo accorgercene. Vorrei poter scrivere canzoni per altri artisti ed interpreti.”

Il tuo album si intitola “40”, come hai festeggiato i tuoi 40 anni? Abbracciando l’idea dal mio album.”

Il disco si chiude con il brano “Musica” se non ci fosse la musica chi sarebbe Andrea oggi? “Uno che cerca di capire come inventare la musica”.

In conclusione ci saranno occasioni per vederti live e quali sono i tuoi progetti futuri? Per ora vorrei far ascoltare molto l’album e quindi mi sto dedicando alla promozione. Sulla mia pagina fb potrete trovare ogni aggiornamento circa appuntamenti e date.”

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here