Ancora neve su neve: un meteo ricco di sorprese

0
321
Ancora neve su neve

Ancora neve su neve: Meteo ricco di sorprese per tutta la settimana. Non solo nevicate per l’Immacolata in Val Padana, ma anche ulteriore maltempo e neve a bassa quota nei giorni successivi

Pian piano possiamo addentrarci nei dettagli della previsione meteo per la festività dell’Immacolata. Ancora neve su neve si abbatterà sull’Italia. Il maltempo è confermato, a causa del fronte perturbato nord-atlantico, e avrà caratteristiche decisamente diverse a seconda delle varie zone d’Italia. La neve in pianura cadrà su tutto il settore padano centro-occidentale, ormai è molto probabile, con la tenuta del cuscino freddo che dovrebbe reggere per l’intera fase perturbata. In parole più semplici, ciò significa che non si passerà dalla neve alla pioggia in molte aree dell’Italia.

Nel dettaglio, nevicherà su tutto il Piemonte con accumuli anche significativi sulla parte meridionale ed orientale, in particolare sull’alessandrino dove sono stimati anche 15-20 cm di neve fresca in pianura. Neve fino al fondovalle anche sulla Liguria interna con possibile sconfinamento fin su Genova e Savona. Neve è attesa in Lombardia e a tratti su gran parte dell’Emilia, tranne il settore orientale. Sulle pianure del Triveneto il richiamo delle correnti umide meridionali dovrebbe intaccare il cuscino freddo e probabilmente prevarrà la pioggia o a tratti neve mista, probabilmente senza accumulo.

In arrivo neve anche in pianura per l’Immacolata

Violentissima grandinata in Zimbabwe: abbattano edifici una vittima

In arrivo forti gelate prima delle neve in pianura

Saliscendi quota neve in Appennino

Sul resto d’Italia il fronte atlantico porterà piogge e temporali, maggiormente intensi lungo la fascia tirrenica. La neve in Appennino salirà bruscamente di quota sin sopra i 1200/1400 metri sulle regioni centrali. Sulle valli dell’alto Appennino prevarrà inizialmente neve ma non è esclusa poi pioggia congelantesi. L’evoluzione meteo per giovedì vedrà il fronte al Centro-Sud coinvolgere più direttamente in particolare il medio e basso versante tirrenico. Nuova aria fredda, al seguito della perturbazione, farà di nuovo scendere la quota neve in Appennino fino in collina sulle regioni centrali e a quote di bassa montagna al Sud.

I venti tenderanno ad orientarsi ovunque dai quadranti settentrionali. Il meteo migliorerà al Nord, anche se nella prima parte della giornata indugeranno residui fenomeni sulla Val Padana centro-orientale, probabilmente a carattere nevoso fino al piano. Ulteriori impulsi d’aria fredda alimenteranno una circolazione ciclonica sui mari italiani anche tra venerdì e sabato. Piogge e temporali insisteranno al Centro-Sud, con nevicate in Appennino ancora a quote localmente basse collinari sul Centro Italia. Solo da domenica dovrebbe iniziare una tregua.

Fonte; Meteo Giornale