Ancora guai per Mercedes: nuova frode per le emissioni?

0
448

La Mercedes aveva già dovuto pagare per una frode sulle emissioni. Oggi sembra che debba passare ancora guai: vediamo quali.

Ancora guai per Mercedes, di cosa si tratta?

In questo caso la fonte è l’organizzazione ambientalista tedesca senza scopo di lucro Deutsche Umwelthilfe eV (DUH). Mercedes è accusata di utilizzare fino a otto dispositivi cheat test diversi sulle emissioni dei suoi motori diesel, conformi a Euro 6. La conseguenza sarebbe un aumento delle emissioni di ossido di azoto quando il veicolo ritorna sulla strada.


Le emissioni globali di CO2 aumenteranno del 5% e torneranno ai livelli precovid


I test che provano la frode

Naturalmente la DUH ha condotto dei test per suffragare ciò che ha detto. Il banco di prova è stata una Mercedes E350 BlueTec 4MATIC del 2016, della quale sono stati misurati emissioni e dati del motore. Alla stazione di prova le prime sarebbero rimaste entro il limite consentito di ossido di azoto: sulla strada, sarebbero salite fino al 500%.

Promesse disattese

“Questi dispositivi assicurano che in quasi tutte le situazioni queste auto non siano pulite. Superano i livelli di NOx del 500% durante la guida normale. Inondano le città di ossido di azoto. Il motivo è massimizzare il profitto a scapito dell’ambiente e della salute degli abitanti. Abbiamo chiamato Daimler in autunno. Li abbiamo portati in tribunale. Hanno detto che la società avrebbe seguito un corso diverso. Non lo vediamo ancora. Questi veicoli che inquinano l’aria con impianti di manipolazione illegali devono essere ritirati” ha spiegato Jürgen Resch, Direttore Esecutivo del DUH.

La risposta di Mercedes UK

Nel tentativo di ottenere chiarimenti, la rivista online CAR Magazine ha contattato Mercedes UK. “Le calibrazioni delineate sono note” è stata la risposta. “A nostro avviso, questi non devono essere valutati come dispositivi di manipolazione illegali nell’interazione e nel contesto generale del sistema di controllo delle emissioni altamente complesso. La stragrande maggioranza delle sentenze dei tribunali regionali tedeschi e dei tribunali regionali superiori continua a essere a favore di Daimler: in circa il 95% dei casi, i tribunali si pronunciano a favore dell’azienda”.

Nessuna richiesta di risarcimento

“A livello di tribunale regionale sono più di 15.500 le decisioni di rigetto delle cause a favore della società; solo in circa 900 casi la decisione è stata contraria alla società” ha continuato Mercedes. “Ora ci sono circa 900 decisioni a nostro favore presso i tribunali regionali superiori e solo tre contro di noi. Anche la Corte di giustizia federale tedesca (BGH) ha confermato i punti chiave del parere legale di Daimler AG in diverse decisioni. In particolare, ha dichiarato in queste e in altre decisioni che un presunto impianto di manipolazione inammissibile nell’unità di controllo del motore da solo non dà luogo a richiesta di risarcimento”.