Anatomia della couture: Valentino sfila alla Paris Fashion Week 2022

Alla Paris Fashion Week 2022 ha sfilato Valentino con la collezione Primavera-Estate volta all'inclusione e al mettere in risalto la bellezza della diversità.

0
255
Anatomia della couture Valentino
La collezione Anatomia della couture di Valentino (screenshot Instagram).

Si chiama Anatomia della couture la collezione Primavera-Estate 2022 presentata da Valentino alla Paris Fashion Week. Un chiaro messaggio all’inclusione, con modelle e modelli di ogni età ed etnia che si sono alternati in passerella. A proposito delle ultime creazioni, il direttore artistico della maison italiana, Pierpaolo Piccioli, ha dichiarato: “Creare un canone che rifletta la ricchezza e diversità del contemporaneo e promuova una bellezza senza assoluti”.

La “bellezza della diversità” al centro della collezione Anatomia della couture di Valentino

Pierpaolo Piccioli ha lavorato alla collezione Anatomia della couture, basando le sue creazioni sulla “bellezza della diversità” e sull’inclusione, sempre nel segno dell’alta moda. E così presso l’atelier di Place Vendôme è stato possibile ammirare modelli di differenti età, generi ed etnie, avvolti dai nuovi abiti per la Primavera-Estate 2022. La sfilata si è aperta con un tubino corto e decisamente scollato, orlato di merletto. Lo show è proseguito con un tripudo di ricami, paillettes, perline e piume che hanno arricchito i vari capi. Non sono mancati fiocchi, volants, drappeggi e ricami a nido d’ape, ai quali si sono aggiunti vestiti lunghi con accattivanti ali di chiffon che partono dalle spalle. Infine sono arrivate le gonne da ballo, ampie cappe in taffetà e code adatte ad eventi da red carpet.

PFW 22: la sobrietà di Dior e la donna sacerdotessa di Schiaparelli

Quali sono i colori della linea Valentino per la Primavera-Estate 2022?

I colori di base portati in passerella da Valentino alla PFW 2022 sono soprattutto bianco, nero e cipria, adornati da richiami in oro oppure argento. È arrivato poi il turno delle tonalità più vivaci, tra i quali si segnalano il bluette, il fucsia, il verde evidenziatore e il rosa bubble-gum di tendenza. Unico ed esclusivo il look nel tipico rosso Valentino: si tratta di un completo formato da top a reggiseno, pantaloni ampi e cappa in taffetà. Piccioli ha descritto così la collezione Anatomia della couture: “Il corpo, quello femminile in particolare, è insieme un dato di fatto materiale e un costrutto culturale, i cui canoni di bellezza mutano attraverso i tempi, imponendo ora una tesa verticalità, ora una morbida orizzontalità, celebrando e preferendo certe parti dell’anatomia rispetto ad altre. Nella haute couture – ha proseguito il direttore artistico dell’azienda italiana – questa idealizzazione assoluta si materializza nel corpo della modella di maison, sulla quale tutto viene disegnato e costruito, prendendo concretezza ma rimanendo un’astrazione”. Di conseguenza, ha pensato ad una serie di abiti e outfit in grado di mettere in evidenza una “bellezza senza assoluti”.