Amsterdam: probabile chiusura dei coffee shop ai turisti

0
182
Amsterdam coffee shop
Amsterdam: rischio chiusura coffee shop ai turisti

Tra canali fioriti e parchi immensi l’attrazione principale della famosa città di Amsterdam sono sicuramente i coffee shop. Noti per la possibilità di fumare cannabis al loro interno rischiano però il divieto d’accesso ai turisti, a seguito di una proposta della sindaca.

Amsterdam, perchè la chiusura dei coffee shop ai turisti?

La sindaca di Amsterdam, Femke Halsema ha proposto di vietare l’accesso ai coffee shop ai visitatori stranieri. In una lettera ai consiglieri ha infatti proposto di introdurre il “criterio del residente”. Una politica che consente solo ai locali di utilizzare i coffee shop per rendere il turismo più gestibile e per controllare la filiera dei coffee shop. Il consiglio comunale discuterà la proposta entro fine mese. Se la proposta verrà approvata interesserà le 166 le caffetterie della cannabis dove dal 1972 si svolge la vendita legale della cannabis.

La proposta di legge

Come scritto nella lettera ai consiglieri, il disegno della sindaca Halsema riguarda una battaglia contro il turismo mordi e fuggi e di bassa qualità che mettono “sotto pressione la qualità della vita nel centro della città”. La proposta di legge si concentra sulla regolamentazione locale del mercato della cannabis creando un marchio di caffetterie di Amsterdam limitando la possibilità per i coffee shop di diventare catene e impedendo quindi l’accesso ai visitatori stranieri

I rischi della chiusura di coffee shop ad Amsterdam

La proposta potrebbe comportare una diminuzione dei flussi turistici verso la città e il possibile sviluppo di un mercato illegale e parallelo della cannabis. Tuttavia, se la norma verrà approvata affiancherà Amsterdam ad altre città olandesi dove il divieto d’accesso ai turisti è già presente. Questo cambierebbe la visione della famosa città conosciuta principalmente come “Eldorado della cannabis” grazie alla possibilità di consumarla legalmente.

Commenti